• Gabriele Toccafondi -olycom-01-00249158000075h-kaPF--672x351@IlSole24Ore-Web

    #SCUOLA, TOCCAFONDI: 9% #STUDENTI È STRANIERO, 60% NATI IN #ITALIA

    “Occorre partire dalla realtà per capire e conoscere l’immigrazione. In Italia il 9,2% della popolazione scolastica e’ straniero, 6 su 10 sono nati in Italia. Sono quasi 815.000 le alunne e gli alunni con cittadinanza non italiana presenti nelle classi, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di II grado. È fondamentale ascoltare le storie dei ragazzi di seconda o terza generazione, figli di migranti che per il 60% sono nati in Italia”. Così il sottosegretario al Miur, Gabriele Toccafondi, intervenuto al convegno ‘Costruttori di ponti’. “Se si parte dalla realtà e non da una ideologia si capirà che l’integrazione e’ reale e possibile grazie anche e soprattutto alla scuola. Cari ragazzi- conclude il Sottosegretario- raccontate le vostre storie parlate voi, descrivete il vostro percorso. Così capiremo che l’integrazione non èuna possibilità da raggiungere ma una realtà già attuale da conoscere”.

  • Vignali Raffaello

    VIGNALI: BENE #MIUR SU NASCITA #ORCHESTRAERASMUS. GRANDE OCCASIONE PER RILANCIARE CONSERVATORI ITALIANI

    La creazione di un’orchestra Erasmus voluta dall’Agenzia Erasmus –INDIRE del MIUR è una idea e un’occasione eccezionale per valorizzare l’eccellenza dei nostri conservatori musicali e per ribadire il valore della musica come strumento di aggregazione, di socialità e di dialogo soprattutto tra le giovani generazioni”. Lo dichiara Raffaello Vignali, deputato di AP-Alternativa Popolare e promotore del bonus Stradivari per gli studenti dei conservatori, in merito alla iniziativa dell’Agenzia Erasmus -INDIRE del Ministero dell’Istruzione di dare vita ad un’orchestra dei migliori studenti Erasmus dei Conservatori italiani per celebrare i 30 anni di Erasmus.

    “La musica – prosegue Vignali – è una delle grandi ricchezze che costituiscono lo straordinario patrimonio culturale dell’Italia, ma che oggi rischiamo di disperdere lasciando che altri Paesi raccolgano un’eredità che ci appartiene profondamente. Una grande perdita anche di identità della nostra comunità che dobbiamo invece tutelare e promuovere partendo proprio dalla valorizzazione delle istituzione preposte alla formazione musicale.”.

    “Nei nostri conservatori – dichiara – si formano giovani e incredibili talenti musicali destinati ad essere ambasciatori della cultura italiana in tutto il mondo e la creazione di un’orchestra Erasmus – conclude- faciliterà la condivisione di esperienze per rilanciare questo importante patrimonio”.

  • Bianchibianchi2017-03-31-PHOTO-00004544

    Bianchi: Entro il 10 aprile il Governo approverà le garanzie economiche per la #RyderCup – Intervista a Il Tempo

    I golfisti di tutto il mondo possono tirare un sospiro di sollievo: la Ryder Cup 2022 si disputerà a Roma. Il Sottosegretario al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Dorina Bianchi – in questa intervista esclusiva- allontana ogni dubbio sull’organizzazione dell’evento nella Capitale.

    Nel recente passato ci sono  state diverse problematiche – non ultima la Milleproroghe – per  garantire la fidejussione alla Federgolf, ma la soluzione è stata trovata e verrà messa in atto entro la prima decade di aprile. «Questa deve essere la volta buona- sottolinea il Sottosegretario – perché se non concedessimo la fideiussione di 97 milioni di euro, la Ryder Cup Europe andrebbe ad attivare la clausola revocando l’assegnazione all’Italia. L’ipotesi al vaglio è di inserire la fideiussione in uno dei due prossimi decreti in arrivo: il dl enti locali oppure, più probabilmente, il decreto fiscale i cui effetti saranno ricompresi nel Def».

    Quando verrà sbloccata la situazione legata alle garanzie per la Ryder Cup? «La fidejussione verrà inserita con effetto immediato. È un’operazione che faremo a brevissimo per non far scadere il tempo a disposizione. Mancano solo alcune controgaranzie che sboccheremo entro il 10 aprile. È una fidejussione a basso rischio».

    Quanto è importante una manifestazione di caratura mondiale per rilanciare l’immagine di Roma nel mondo?.« È strategico ospitare la Ryder Cup non soloper Roma ma per tutta l’Italia. Avremo un effetto vetrina. La Ryder Cup si giocherà a Roma ma sarà caratterizzata da 37 manifestazioni principali su tutto il territorio nazionale. Il rilancio del turismo sportivo è perfettamente in linea con il Piano Strategico del Turismo che abbiamo varato; puntiamo sulla sostenibilità, e l’ideale è proprio una vacanza immersa nel verde praticando attività sportiva. In questo modo riusciremo ad intercettare il turismo di eccellenza che rappresenta una risorsa per il nostro Paese».

    Che impatto avrà la manifestazione sul turismo della Capitale? «Sarà un impatto molto positivo sia per la Capitale che per l’intero paese. Il bacino potenziale è rappresentato da milioni di giocatori nel mondo».

    Roma sarebbe pronta per ospitare una manifestazione del genere? «Roma è pronta perché può offrire un’offerta culturale e turistica straordinaria. L’area archeologica del Colosseo è la più visitata in Italia, rappresenta un vanto nel mondo».

    Cosa dovrebbe fare l’amministrazione capitolina per restituire alla Capitale d’Italia quel lustro che l’ha resa Eterna nelmondo? «Dovrebbe avere più fiducia nelle potenzialità di questa città e nelle sue risorse. Aver rifiutato di ospitare le Olimpiadi è stato un grande errore legato a posizionamenti ideologici. Il Movimento 5 Stelle ha fatto un’asprabattaglia contro la Ryder Cupe il sindaco Raggi non si è opposta. Per quanto riguarda il rilancio del turismo nella capitale, bisogna puntare sul miglioramento delle infrastrutture, dei collegamenti e soprattutto puntare sul turismo congressuale. Abbiamo da poco inaugurato la Nuvola di Fucksas che ci può rendere competitivi con destinazioni come Milano o Las Vegas».

    Ha mai giocato a golf? «Non ho mai giocato direttamente ma, essendo calabrese, sono stata spesso al San Michele Golf Club di Cetraro, sulla costa tirrenica cosentina. Il golf è una palestra di vita che insegna il rispetto delle regole e dell’ambiente, una palestra all’aria aperta. Da medico posso dirle che la pratica di questo sport aiuta a prevenire molte malattie».

     

    di: Simone Pieretti

    fonte: Il Tempo

     

  • scopelliti2017-03-31-PHOTO-00004536

    Scopelliti: #Alatri come il Far West. Le istituzioni hanno sbagliato – Il Dubbio

    Rosanna Scopelliti: quello che manca a questa triste vicenda è il senso della giustizia come valore assoluto. Non possiamo permetterci che i cittadini si sentano abbandonati dallo Stato.

     

    Alatri è una piccola cittadina di 30mila persone, incastonata nelle montagne dell’Appennino laziale in provincia di Frosinone che, improvvisamente, si è trovata scaraventata al centro delle cronache italiane per un fatto di sangue tragico quanto crudele e futile. Una comunità, dove tutti si conoscono, che viene sconvolta dalla barbara morte di un ragazzo di venti anni, ucciso a mani nude, con una violenza brutale per un banale litigio in un locale notturno davanti agli occhi attoniti della fidanzata e degli amici. Un paese tranquillo che si risveglia sconvolto e si trasforma in Far West perché le istituzioni non fanno il loro dovere. Un borgo trasformato nell’emblema della cattiva politica e della cattiva gestione del territorio e della sua comunità. Ed ecco che dopo la tragedia del povero Emanuele, un ragazzo pieno di sogni e speranze, si succedono risse, macchine bruciate, omertà e persone che fuggono dal paese per paura di ritorsioni e della violenza non ancora sopita. Quello che terribilmente manca a questa triste vicenda è il senso della giustizia come valore assoluto, come istituzione alla quale ogni cittadino deve credere e guardare con fiducia e rispetto. Oggi, se ci fosse davvero questo senso comune della giustizia diffusa, nessuno degli inconsapevoli protagonisti di questa storia, cercherebbe di farsela da solo. Questa ricerca ossessiva della giustizia fai da te è la deriva più preoccupante e malinconica di questo fatto di sangue che ha sconvolto tante famiglie e un’intera comunità. Il nostro compito è quello di mettere i cittadini in condizione di ricominciare a credere nelle istituzioni e nella giustizia e per questo mi auguro che ai responsabili di questo vile omicidio venga inflitta una pena adeguata, nella speranza che si torni a ragionare in modo civile non solo in quel paese sconvolto, ma in tutta Italia, non possiamo rassegnarci allo sconforto, non possiamo permettere che i cittadini si sentano abbandonati dallo Stato.

  • mottola1

    Lupi: Adesione Mottola segnale importante per riaggregazione area moderata

    “Il mio benvenuto nel gruppo di “Alternativa popolare” a Giovanni Mottola. Con lui riprende una storia e un lavoro iniziato nella scorsa legislatura. La sua adesione ad Alternativa popolare è un ulteriore segnale della necessità di lavorare alla riaggregazione di un’area moderata che rilanci il contributo dei popolari e dei liberali per la crescita del Paese”. Così Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, in una nota.

  • marotta

    Marotta: Serve cambio culturale, #magistrati tutelino propria terzietà.

    Tra la carriera del magistrato e del giudice e quella del politico c’è una vocazione fondamentale diversa, perché il magistrato ha una vocazione magistratuale, il politico una vocazione politica: non possono confondersi, non ci sarà e non dovrà esserci mai un momento in cui possono incontrarsi, perché nel momento in cui si incontrano vuol dire che il magistrato ha perduto quella caratteristica che lo tiene al di fuori del sistema, che contraddistingue il proprio status: la terzietà. Si tratta di un cambio culturale che auspichiamo parta dalla stessa magistratura”. Lo ha detto il capogruppo di Alternativa popolare in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta, intervenendo in Aula sul voto favorevole del gruppo al ddl sulle toghe in politica.

    “Il politico infatti è di parte, non può essere diversamente perché il politico rappresenta delle scelte, rappresenta dei valori, una parte politica. Il magistrato questo non se lo può permettere. Per questo con questa legge abbiamo inserito una serie di paletti sull’ingresso e l’uscita dei magistrati in politica ai quali rivolgiamo un appello: queste sono le regole, ma il vostro primo interesse deve essere quello di portare avanti e salvaguardare quell’impegno che avete assunto con la Repubblica italiana”.

  • marotta

    Marotta: Proposte Pd e Lega su #legittimadifesa non all’altezza, #Ap tra i primi a presentare ddl

    Sulla legittima difesa vogliamo ‘un testo più stringente ed efficace sia sotto il profilo della tutela dei cittadini sia sotto quello dell’efficacia dell’azione della magistratura. Siamo sicuri che, con la collaborazione di tutti i gruppi parlamentari arriveremo presto all’approvazione di una buona legge. Noi lavoreremo sodo in questa direzione’, queste sono mie dichiarazioni pubbliche rese nell’aprile del 2016. Ap non è indietreggiata di un centimetro da quelle posizioni e ricordo, anzi, che siamo stati tra i primi a presentare una specifica proposta di legge sul tema, nella quale chiedevamo espressamente di ampliare il concetto di proporzionalità, prevedendo una serie di casi in cui la vittima potesse difendersi per una maggiore tutela della sicurezza del cittadino. Tutto il gruppo si è battuto affinché in commissione si adottasse il nostro testo come quello base, ritenendo quello del Pd troppo soft, tanto è vero che all’inizio ero anche relatore del provvedimento. Nel corso dell’ultima seduta, quindi, mi sono astenuto perché contrario ai due testi in discussione, non ritenendoli all’altezza della risposta da dare alla domanda di sicurezza degli italiani. Ai colleghi di Forza Italia diciamo senza polemica, che se avessero voluto avrebbero potuto sostenere in commissione il nostro provvedimento. Questi sono i fatti, il resto sono chiacchiere”. Lo afferma il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera Nino Marotta.

  • img_5703-2.jpg

    #Leggeelettorale, Lupi: Si trovi accordo per armonizzare sistema tra Camere

    Mi auguro che si trovi un accordo che permetta di avere almeno una legge che armonizzi il sistema tra Camera e Senato. Credo che non ci saranno le coalizioni e che il premio rimarrà alla lista. Ribadiamo la nostra proposta che prevede un sistema proporzionale con premio di governabilità in entrambi i rami del Parlamento e lo sbarramento al 3 per cento, perché non vogliamo né dobbiamo fare coalizioni e alleanze per paura di non superare lo sbarramento ma perché omogenee. Per questo diciamo che il lavoro che dobbiamo fare è unire tutte le forze liberali e popolari alternative al Pd da una parte e a Salvini e Meloni dall’altra”. Lo ha detto il capogruppo di Alternativa popolare alla Camera, Maurizio Lupi, in collegamento da Malta su Rainews24.

  • causin_andrea

    #Terrorismo, Causin: Plauso a forze ordine per operazione a #Venezia. Prevenzione e controllo fondamentali

    L’operazione che ha portato, questa notte, all’arresto di una cellula terroristica jihadista a Venezia conferma l’eccellente lavoro dei nostri reparti di Polizia, Carabinieri, unitamente alla Procura distrettuale Antimafia ed Antiterrorismo, cui va il nostro plauso. L’Italia non è esente da rischi ma vigilare in modo efficiente, attraverso una capillare attività di controllo del territorio e un lavoro di indagine coordinato, sono garanzia di sicurezza e di successo contro il terrorismo” lo ha detto Andrea Causin deputato veneziano di Area popolare e presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie.

    “Le periferie delle nostre città non hanno certo le dimensioni e le caratteristiche dei quartieri–ghetto delle grandi capitali europee, dove degrado e crisi economica sono diventati humus ideale per fenomeni degenerativi, ma il rischio c’è e non va sottovalutato. Per questo, bene fa l’Italia a mantenere la guardia alta e a continuare nella straordinaria attività di prevenzione e controllo. Quello che servirebbe è un grande piano di investimento europeo per rilanciare l’economia, generare lavoro e riqualificare le periferie delle grandi città, non solo da un punto di vista urbanistico ma civile e culturale” conclude.

  • img_7560.jpg

    Lupi: #Governo non rincorra #Cgil, noi argine a deriva verso sinistra

    “Vigileremo affinché il governo Gentiloni non renda inutili tutte le riforme fatte in questi anni. Quanto accaduto con i voucher ad esempio è vergognoso. Eviteremo dunque che in quest’ultima fase della legislatura l’Esecutivo si sposti sempre più a sinistra per rincorre la Cgil o per ammiccare alla sinistra interna o ai fuoriusciti del Pd”. Lo ha detto il capogruppo di Alternativa popolare Maurizio Lupi in collegamento da Malta su Rainews24.