• Gianfranco Sammarco

    Sammarco: su #legittimadifesa no a passi indietro, serve chiarimento

    Sulla legittima difesa non consentiremo alcun passo indietro. E’ chiaro che c’è una divergenza di intenti all’interno delle forze di maggioranza che va chiarito. Bene ha fatto il nostro capogruppo Marotta a chiedere un approfondimento sul tema. Per Alternativa popolare, come ha ben spiegato oggi il nostro capogruppo Lupi, due sono i principi sui quali continueremo a batterci: l’onere della prova deve spettare all’aggressore e nessun risarcimento per chi ruba”. E’ quanto dichiara il deputato di Ap Gianni Sammarco.

  • lupilegittimadifIMG_6221

    #LEGITTIMADIFESA, LUPI: VOGLIAMO INVERSIONE #ONEREPROVA


    Che cosa intende fare il Governo perché l’onere della prova sia invertito da parte del cittadino, e perché non si possa assistere a casi assolutamente incredibili come quelli in cui, non solo un cittadino si vede invaso nella propria proprietà, ma addirittura il tribunale gli chieda un risarcimento nei confronti di chi è venuto a rubare in casa propria?”. A chiederlo è il capogruppo di Alternativa popolare, Maurizio Lupi nel corso del question time di oggi.

    “Il tema è molto sentito e proprio per questo credo debba assolutamente vedere anche l’intervento da parte del Governo. Si tratta della legittima difesa e delle modifiche che devono essere apportate all’attuale legislazione. Nessuno – replica Lupi – mette in discussione il dovere dello Stato di difendere la proprietà privata, diritto sancito dalla Costituzione. La questione su cui Parlamento e Governo devono pronunciarsi è molto semplice: vogliamo invertire l’onere della prova come accade in Francia e negli altri Paesi europei? Che cosa vuol dire onere della prova? Una banalità: oggi entrano in casa mia, mi rubano, io reagisco, e sono io a dover dimostrare che sono stato invaso da qualcuno nella mia proprietà e che ho agito per legittima difesa e che non c’è stato un eccesso di legittima difesa. Quello che noi chiediamo – conclude Lupi – è una richiesta di civiltà giuridica: l’onere deve essere inverso, cioè uno è entrato in casa mia, io ho reagito, io ho agito per legittima difesa, dovrà essere lui a dimostrare che evidentemente io ho avuto un eccesso di legittima difesa. La questione è molto semplice: se non interveniamo tutti insieme su questi temi, non ci lamentiamo poi del populismo e dell’esasperazione”.

  • marotta

    Marotta: Testo #Pd su #legittimadifesa insufficiente, serve riunione maggioranza con il Governo

    Il testo sulla legittima difesa voluto dal Pd, appena approvato dalla commissione Giustizia, è per noi assolutamente insufficiente. Non è questa la risposta che si aspetta l’opinione pubblica. In merito non arretreremo di un millimetro. Riteniamo importante per questo una riunione di maggioranza con il coinvolgimento del governo. Gli emendamenti di Ap sono stati tutti rigettati, ma è chiaro che continuerà il nostro impegno in Aula dove ripresenteremo le nostre proposte di modifica”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

    “Al riguardo – prosegue – riteniamo imprescindibile un intervento sul principio di proporzionalità e, soprattutto, a tutela della posizione della parte offesa. E’ inconcepibile, come ha ben spiegato oggi in Aula durante il question time il nostro capogruppo Lupi, che debba essere la vittima a dimostrare di non aver ecceduto nella legittima difesa di fronte a un ladro o a un criminale che viola il proprio domicilio, la propria abitazione tutelata dalla nostra Costituzione. In qualsiasi caso l’onere di non aver commesso reato deve ricadere ovviamente sull’aggressore. A questo si aggiunga che va necessariamente abolita la possibilità per lo stesso aggressore di chiedere il risarcimento del danno”.

  • garofaloIMG_1104-0

    GAROFALO: MINISTERO LAVORERA’ CON REGIONE #SICILIA PER GARANTIRE BUONA #SANITA’

    “Mi fa piacere che i componenti della maggioranza alla Regione, che hanno approvato questo Piano sanitario, stiano tornando sui propri passi dopo avere assistito alle proteste di dirigenti, medici, operatori sanitari in genere e cittadini contro la nuova rete sanitaria regionale e auspico, pertanto, che si voglia porre rimedio a quanto fatto, in tempi brevi”. Così il deputato di Alternativa Popolare Vincenzo Garofalo che continua : “Il Piano sanitario deve soprattutto rispondere agli intenti e alle direttive del Ministro della sanità Beatrice Lorenzin che si batte per livelli essenziali delle prestazioni soddisfacenti e uniformi su tutto il territorio nazionale e per l’eliminazione degli sprechi e che, da sempre e senza mezzi termini, mette al centro della sua azione il benessere dei pazienti. Al Ministero si lavorerà in stretta collaborazione con la Regione affinché si adottino i correttivi necessari a far sì che siano pienamente soddisfatte le esigenze dei pazienti e le istanze che provengono dai territori. Questo lavoro, di verifica e rettifica, va fatto anche nell’interesse di quegli operatori del mondo sanitario le cui competenze e professionalità non possono essere sprecate ma vanno valorizzate e tutelate come un patrimonio da non disperdere. Lo sosteniamo da sempre: un buon piano deve tenere conto sì delle norme ma mettendo sempre al primo posto i principi della buona sanità e il rispetto dei fabbisogni del territorio.Sono certo che il Ministro seguirà personalmente come promesso la vicenda intervenendo in modo deciso per correggere il tiro”, conclude Garofalo
  • imagestancredi

    #Def, Tancredi: Positivo no aumento #tasse, ora insistere su taglio spesa

    Una prima analisi sul Def è sicuramente positiva. C’è innanzitutto la promessa di non aumentare le tasse rispettando gli obiettivi in accordo con l’Europa, e questo va in linea con le nostre politiche economiche. Naturalmente aspettiamo di vedere nel dettaglio i numeri, alla luce dei quali presenteremo le nostre proposte migliorative”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi.

    “Siamo consapevoli che di fronte a noi non abbiamo un percorso semplice, e lo dimostra l’intenzione del governo di smontare le clausole di salvaguardia per cui serviranno nuovi tagli di spesa. Proprio su questo fronte insistiamo e sollecitiamo l’Esecutivo a osare di più, per una maggiore e decisa riduzione selettiva e mirata della spesa pubblica improduttiva anche in funzione, ovviamente, di quanto annunciato per il prossimo anno. Giudichiamo positivo il piano investimenti – aggiunge Tancredi -, così come l’ampliamento dei salari di produttività e l’impegno sul taglio del cuneo fiscale, un intervento dirimente per rilanciare il mercato del lavoro in maniera strutturale. Sul fronte delle privatizzazioni auspicavamo che il governo riuscisse a fare di più, ma non possiamo disconoscerne l’azione. Non c’è alcun passo indietro anche perché è previsto un gettito costante dalle privatizzazioni annunciate. Nel Pnr, infine, c’è la legge sulla concorrenza mentre sulla riforma del catasto continueremo a vigilare per evitare qualsiasi forma di stangata per i milioni di proprietari di immobili”.

  • dorina_bianchi

    #TURISMO, BIANCHI: RIFLESSIONE SU RENDERE STRUTTURALE #TAXCREDIT ALBERGHI

     “La sostenibilità ambientale delle strutture ricettive è un elemento fondamentale della nostra offerta turistica che ne aumenta la competitività. In questa direzione va il protocollo siglato oggi tra Legambiente e Assohotel, che ha tutta la nostra approvazione e che consideriamo una buona prassi da replicare”. A dirlo è Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo, in una lettera inviata in occasione del convegno “Sostenibilità ambientale e competitività strutture alberghiere” in occasione della stipula del protocollo tra Legambiente e Assohotel. “Il Governo – ha aggiunto – ha incentivato la ristrutturazione e la riqualificazione alberghiera in chiave sostenibile attraverso una tax credit dedicata. È opportuno avviare una riflessione per trovare gli strumenti per renderlo strutturale“. E ha concluso: “La tax credit è, infatti, uno strumento importante per il rilancio del settore turistico e per il miglioramento della qualità dell’offerta. A fronte di un plafond di 50 milioni di euro, nel 2016 sono arrivate richieste per 90 milioni: un successo che ha dimostrato l’interesse del settore. Il credito d’imposta ha molteplici benefici: i turisti hanno l’opportunità di godere di un’offerta riqualificata del servizio alberghiero e le imprese di settore possono riacquisire una maggiore competitività e puntare sull’innovazione”.

  • marotta

    Marotta: Bene #dlimmigrazione, giusta sintesi tra solidarietà e #sicurezza

    Semplificazione e velocizzazione delle procedure per il riconoscimento del diritto di asilo dei migranti e maggiore rigore sulle espulsioni per chi non ne ha diritto. Sono questi due dei punti cardine del decreto per il contrasto all’immigrazione illegale, in continuità con il lavoro fatto in questi anni dal ministro Alfano, che trova il pieno sostegno di Alternativa popolare. Un provvedimento che dà una prima risposta a una problematica rispetto alla quale andiamo avanti a testa alta, certi di aver fatto sempre fino in fondo il nostro dovere sul piano dell’accoglienza e nel salvare vite umane e, inoltre, nei rapporti di reciproca lealtà con gli altri paesi dell’Ue”. Lo ha detto in Aula alla Camera il capogruppo di Alternativa popolare in commissione Giustizia Nino Marotta, esprimendo il voto favorevole di Ap al dl migranti.

    “Con questo decreto abbiamo, quindi, voluto rendere più efficaci le azioni di tutela di chi desidera avere la protezione internazionale e dare una risposta alla domanda di maggiore sicurezza che i cittadini ci chiedono da tempo. Allo stesso tempo sappiamo che serve una maggiore coesione a livello europeo per fronteggiare il flusso crescente dei migranti, sul quale si gioca il futuro stesso dell’Ue anche quale argine al fenomeno dei populismi”.

  • lupi1

    #leggeelettorale, Lupi: sì a premio coalizione ma sbarramento sia omogeneo

    L.ELETTORALE, LUPI: SI’ A PREMIO COALIZIONE MA SBARRAMENTO SIA OMOGENEO. PREFERENZE SU MODELLO EUROPEE, ELETTORE DEVE POTER SCEGLIERE RAPPRESENTANTE

    Siamo per un premio di governabilità alla coalizione e per uno sbarramento consistente ma omogeneo dentro e fuori la coalizione (3% alla Camera e al Senato), in modo da consentire la rappresentatività degli elettori“. Lo ha detto Maurizio Lupi, capogruppo a Montecitorio di Alternativa Popolare, intervenendo all’incontro “Legge elettorale e rappresentanza – Lo stato dell’arte”. “Le preferenze sono una strada importante ma bisogna correggere le anomalie. La preferenza tripla con genere, sul modello delle europee, evita distorsioni nel sistema. L’elettore deve poter scegliere il proprio rappresentante”, ha sottolineato il parlamentare. Secondo Lupi “la prossima legge elettorale o si fa con l’interlocuzione della nostra area o sarà ‘la notte’. Ma io sono ottimista e, citando Dante, dico che torneremo a ‘riveder le stelle'”, ha aggiunto l’ex ministro.

  • Antonino Minardo

    #Migranti, Minardo: Necessaria istituzione presidi sanitari speciali per controlli immediati e più approfonditi

    È necessaria ed opportuna l’istituzione di presidi sanitari speciali organizzati sui luoghi di maggiore affluenza di sbarchi dei migranti come Pozzallo ed invito il Governo a prestare più attenzione ed avere maggiore sensibilità riguardo le problematiche legate ai controlli sanitari che scaturiscono dall’emergenza a tutela della salute degli operatori, dei cittadini e nel rispetto di territori a forte rilevanza turistica che potrebbero subire effetti negativi dal poco impegno al riguardo”. E’ quanto afferma il deputato di Alternativa popolare Nino Minardo.

    “La Sicilia ed in particolare la provincia di Ragusa – prosegue – presentano le maggiori problematiche per la ricezione dei migranti, per cui occorre un’implementazione dei controlli sanitari soprattutto per gli operatori che ogni giorno svolgono la loro attività confrontandosi con i migranti che provengono dagli Stati africani e dei quali non si conosce il loro effettivo stato di salute. Se i nostri operatori garantiscono il diritto alla salute ai migranti è doveroso che il Governo faccia il possibile per garantirlo agli operatori sanitari che accolgono ogni giorno centinaia di profughi. Una problematica che porrò nuovamente all’attenzione del Governo chiedendo anche, nell’ambito delle sue competenze, di implementare gli uffici delle Asp presenti nei luoghi di maggior approdo dei migranti come i porti di Pozzallo e di Augusta, con l’aumento delle risorse economiche alla Regione per consentire l’istituzione di veri e propri presidi sanitari organizzati e dotati di requisiti che consentano di fare immediati controlli sanitari più approfonditi ed evitare spiacevoli contagi”, conclude Minardo.