• marotta

    Marotta: Bene boom #occupazionefemminile, ora priorità #giovani al #Sud

    “I dati Istat sul lavoro sono molto incoraggianti. Dimostrano che la strada intrapresa in questi anni con le riforme approvate dai governi da noi sostenuti, tra cui il Jobs Act, è quella giusta. Tra gli indicatori più significativi va sottolineato senza dubbio il record dell’occupazione femminile e, in particolare, il boom delle imprese rosa al Sud, come evidenziato da Confcooperative. Un dato che conferma le spiccate potenzialità imprenditoriali delle donne, agevolate anche da misure sempre più favorevoli, e che può rappresentare un input anche per i giovani”. È quanto dichiara il deputato di Ap Nino Marotta.
    “Sappiamo bene infatti, anche da quanto emerso oggi, che i punti sui quali è necessario investire maggiormente sono proprio l’occupazione giovanile e il Sud, soprattutto per evitare quella fuga di capitale umano che rischia di impoverire sempre di più e rendere sempre meno competitivo il Mezzogiorno. La capacità organizzativa delle donne può essere un esempio – continua Marotta – ma il nostro obiettivo è potenziare gli interventi per favorire le assunzioni dei giovani, possibilmente a tempo indeterminato, nelle regioni meridionali, confidando nel fattore turismo quale forte leva attrattiva e quindi vero volano economico per tutto il Sud. Siamo ben lieti che da parte di esponenti del Governo in queste ultime ore, tra cui il ministro Calenda, siano venuti forti segnali in questo senso con interventi da inserire nella prossima legge di Bilancio, come il taglio del costo del lavoro. Così come risultano fondamentali gli investimenti pubblici al Sud. C’è ancora tanto da fare, i presupposti ci sono tutti per continuare a fare bene”.
     
  • istat

    Tancredi: #occupazione al top. Fare sempre meglio. #Istat

    “I dati sul lavoro pubblicati oggi dall’Istat sono davvero incoraggianti per due motivi: danno la prova che le scelte operate in questi anni sono state fatte nella giusta direzione e indicano che si può fare sempre meglio per rilanciare l’economia del nostro Paese”. Lo dichiara in una nota Paolo Tancredi, deputato di Alternativa popolare e Capogruppo in commissione bilancio alla Camera.
    “Le scelte mie e del mio gruppo in questi quattro anni sono state spesso condannate, bistrattate dai commentatori, dagli avversari politici e da coloro che un tempo, a parole, sostenevano le riforme del mercato del lavoro. Abbiamo passato momenti difficile ma oggi raccogliamo le nostre soddisfazioni, anche se sappiamo di poter migliorare ancora, e di poter contribuire fattivamente al rilancio economico dell’Italia.
    Il segno più che oggi si registra, soprattutto per l’occupazione femminile, ci riempie di orgoglio e sono certo che nella prossima legge di bilancio, molto importante per il nostro Paese, saremo in grado di presentare ulteriori misure a sostegno delle classi più deboli“.
  • lupi2images

    Lupi: Bene dati #Istat su #occupazione, proseguire azione #riforme con legge di bilancio

    “Senza esaltarsi troppo quando i dati dell’occupazione sono in crescita come nel mese di giugno e senza deprimersi quando si constatano cali stagionali, va detto però che un consuntivo realistico delle riforme del mercato del lavoro operate dai governi di alleanza in questa legislatura dimostra ormai un trend in crescita. E di questo non posso che essere soddisfatto. Non servono letture interessate o ideologiche, basta l’onestà intellettuale di guardare i numeri, a cui corrispondono persone non più disoccupate. Di questo approccio realistico e operativo siamo stati responsabili in questi anni di governo e continueremo a esserlo sino alla fine della legislatura: c’è una importante legge di bilancio da impostare che non disperda in mille rivoli le risorse ottenute dalla trattativa con la UE ma le concentri sulle priorità che da sempre indichiamo: lavoro e famiglia“. Lo dichiara il presidente dei deputati di Alternativa popolare Maurizio Lupi.

  • PizzolanteImagoeconomica_644512

    Pizzolante: #ScuolaSvizzera che discrimina #disabili va chiusa, sollecitati #Lorenzin e #Toccafondi

    “La scuola svizzera con sede a Milano che discrimina i disabili deve essere chiusa“. È quanto dichiara il vicepresidente dei deputati di Ap, Sergio Pizzolante. “Non è tollerabile una scuola con un regolamento discriminatorio nei confronti dei bambini con difficoltà di apprendimento o con disabilità motorie. Anche se, come sembra, dovessero cambiare il regolamento, deve essere chiusa. Perché portatrice, comunque, di una cultura discriminatoria inaccettabile. È una concezione della didattica intollerabile. Secondo questa impostazione Einstein non avrebbe trovato una scuola. Ho parlato con il ministro della Salute Lorenzin e con il sottosegretario alla Pubblica Istruzione Toccafondi. Facciano tutto il possibile per chiudere una scuola che si dice di alto livello, molto complessa e con una didattica ricca e difficile. Perché in realtà – conclude Pizzolante – è di una povertà culturale e umana miserabile”.

  • Gioacchino Alfano

    #SUD, G. ALFANO: OTTIMI DATI #CAMPANIA FRUTTO POLITICHE GOVERNO E REGIONE

    “L’ottima performance della Campania, come emerge dai dati Svimez, conferma che le politiche del Governo in combinato disposto con la buona amministrazione della Regione hanno dato risultati incoraggianti. Dobbiamo continuare su questa strada, puntare sul Mezzogiorno con investimenti mirati e produttivi, stimolare l’occupazione e riusciremo a superare quel gap tra nord e sud che diventerà solo un vecchio clichè”. A dirlo è Gioacchino Alfano, sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale in Campania di Alternativa Popolare.

    “Le eccellenze campane – aggiunge – sono un fiore all’occhiello dell’imprenditoria italiana e per questo vanno incentivate. Provvedimenti come il decreto Sud, con la concessione di un credito di imposta per l’imprenditoria giovanile al Sud, vanno nel verso giusto. La condizione di arretratezza del Sud è la conseguenza di fallimentari politiche assistenzialiste e clientelari che non hanno stimolato lo sviluppo. Noi invece puntiamo a una maggiore presenza dello Stato e a politiche di sviluppo”.
  • Raffaello Vignali

    Vignali: Solidarietà a colleghi #PD aggrediti da #NoVax

    Esprimo la mia più convinta solidarietà ai colleghi del PD aggrediti da No-Vax“. Lo dichiara Raffaello Vignali, capogruppo di AP in Commissione Attività produttive. “Questi – prosegue- sono gli effetti del populismo della democrazia diretta, che uccidono il pluralismo e la democrazia. Ed anche gli effetti delle affermazioni di quei deputati del M5S che hanno teorizzato anche in Aula la giustificazione del linciaggio di chi non la pensa come loro”. “Capisco che non è di moda, ma – conclude- invito gli italiani a riflettere”

  • lupi1images

    Lupi: Solidarietà a deputati #Pd. Chi ha torto usa solo violenza. #NoVax

    L’aggressione a tre deputati Pd da parte di manifestanti NoVax dimostra chi ha ragione e chi nel torto sa solo usare la violenza”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, esprimendo solidarietà ai tre deputati dem aggrediti all’uscita da Montecitorio.
     
  • vaccino immagini.quotidiano.net

    #Vaccini, Bosco: orgoglioso del provvedimento

    Oggi io e il mio gruppo parlamentare abbiamo votato convintamente si il Decreto Lorenzin sui vaccini. Sono particolarmente orgoglioso del provvedimento che mira a proteggere i più piccoli e tutti i cittadini italiani. Dispiace certamente per i toni che nel corso del dibattito sono stati usati, spesso pesanti e privi di fondamento ma è nostro dovere ascoltare la comunità scientifica e dotare il nostro Paese di una legge in grado di garantire il diritto alla salute per tutti”. Lo dichiara in una nota Nino Bosco, deputato di Alternativa popolare.
  • vaccini

    #Vaccini, Misuraca: prioritaria la tutela della #salute

    “La tutela della salute è prioritaria, e tutelando i più piccoli garantiamo il nostro futuro”. Lo dichiara Dore Misuraca, deputato di Alternativa popolare e Responsabile nazionale degli Enti locali. “Il decreto sui vaccini è legge, grazie alla tenacia e alla determinazione del Ministro Beatrice Lorenzin che ha portato avanti una battaglia seria volta a garantire tutti i cittadini. Nonostante le fakenews, le teorie no vax e le speculazioni complottiste, la scienza ha vinto e oggi il nostro Paese ha una legge fondamentale per la tutela nostra salute”.
  • vaccini 2 -6751

    #Vaccini, Lupi: Diamo attuazione alla #Costituzione

    “Il dovere di tutti noi è La tutela della salute. Anche la nostra Costituzione dice che la Repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse dalla comunità aggiungendo che si può obbligare il cittadino a un trattamento sanitario fatti salvi i limiti imposti dal rispetto della persona umana. In questo caso siamo dentro i limiti.
    La verità e la post verità si sono scontrate, come nella vicenda Stamina, dove scienza e ignoranza si sono trovate una di fronte all’altra. Se il ministro Lorenzin avesse seguito chi protestava, affiancato da molti media, avremmo illuso i cittadini, attuato una menzogna e soprattutto avremmo tradito anche il compito della politica.
    Questa è la distinzione tra chi pensa la politica seriamente e con grande responsabilità, come Alternativa popolare, e chi invece pensa che il problema sia sempre dire sì a tutti. La nostra responsabilità è spiegare sempre le ragioni.

    Nel corso di questo dibattito abbiamo sentito delle affermazioni estremamente indegne della rappresentanza istituzionale e di questo Parlamento, si può essere contro ma mai strumentalizzare temi di questo genere, mai appellarsi a complotti mai dire che si fanno gli interessi delle case farmaceutiche sulla pelle dei cittadini. Si incorre in una grave irresponsabilità.

    Tutti noi crediamo che la politica sia servizio in vista del bene comune e mai come in questo caso il bene comune è evidente a tutti, è il bene dei cittadini, è la salute, la possibilità di vivere una vita dignitosa nella nostra comunità”.

    Lo dichiara Maurizio Lupi, capogruppo di Alternativa popolare durante la dichiarazione di voto in Aula sul decreto vaccini