• img_5703-4.jpg

    #Biotestamento, Lupi: Il #governo non metta la fiducia, è una legge che va cambiata

    Su testamento biologico e ius soli siamo stati molto chiari, non accetteremo nessuna richiesta di fiducia da parte del governo”. Lo dichiara Maurizio Lupi, coordinatore nazionale di Alternativa popolare in una intervista al Tg3. “Il biotestamento – prosegue Lupi – non è nel programma del governo, è una legge di iniziativa parlamentare, se ne discuta quindi al Senato, permettendo il dibattito e l’Aula si esprimerà. Dal nostro punto di vista ci sono due miglioramenti da fare: uno riguarda il ruolo del medico e della famiglia e l’altro riguarda l’alimentazione e l’idratazione che non sono trattamenti medici e non possono essere sospesi. C’è in questa legge una deriva eutanasica che non possiamo condividere. La nostra posizione è un no a questa legge così come scritta, ma è chiaro che su questi temi vige la libertà di coscienza”. Sulle presunte divisioni nel mondo cattolico a seguito delle parole del Papa, Lupi si dichiara in totale sintonia con il Pontefice: “Noi siamo contro l’accanimento terapeutico e per la cura e l’assistenza di queste persone sino alla fine, come ha detto Francesco”. Alla domanda se poi questi temi possano esser la prova generale per un accordo con il Pd, Lupi risponde: “Gli accordi si fanno su un programma e il programma è fatto di contenuti. Certo che se il Pd forza sul fine vita, forza sullo ius soli, cede sul jobs act e sull’articolo 18… i contenuti sui quali eventualmente incontrarsi sono esauriti”.