• marotta

    #Intercettazioni, Marotta: Critiche Anm e opposizioni? Allora siamo su buona strada

    Il provvedimento sulle intercettazioni varato dal Cdm viene incontro alle nostre aspettative. Si tratta di un testo equilibrato, la giusta sintesi tra le diverse esigenze in campo”. È quanto dichiara il capogruppo di Alternativa popolare in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.
    “Nello specifico: è prevista l’eliminazione delle intercettazioni non penalmente rilevanti e la sopravvivenza solo di quelle essenziali e necessarie. Viene rafforzata la tutela della privacy, non sarà più possibile dunque violare irreversibilmente la vita privata dei cittadini. È prevista, inoltre, la sostanziale garanzia attraverso l’autorizzazione del giudice terzo per l’utilizzabilità delle intercettazioni. Ultimo, ma non meno importante: è fatto salvo e viene tutelato il diritto di cronaca. In tutto questo scenario, il Pubblico ministero diventa garante della riservatezza della documentazione relativa all’intercettazione e, di conseguenza, anche responsabile affinché il contenuto non venga illegittimamente divulgato. Non solo. Viene previsto anche il carcere in caso di diffusione di intercettazioni volte esclusivamente a danneggiare la reputazione e l’immagine di persone estranee alle indagini. In definitiva – prosegue Marotta – si rafforza in maniera equilibrata il principio che le intercettazioni servono per scoprire i reati e non per violare la vita privata delle persone. Continueremo a seguire il provvedimento nel corso del suo iter parlamentare, impegnandoci a migliorarlo ulteriormente. Le critiche dell’associazione dei magistrati e delle forze politiche di opposizione ci convincono ancora di più che siamo sulla buona strada“.