• banche

    Lupi: Sbagliato continuare a rinviare la commissione di inchiesta sulle #Banche

    “Vedo che si continua a tergiversare sulla costituzione della commissione di inchiesta sulle banche. E’ un atteggiamento sbagliato, continuare a rinviare vuol dire semplicemente che non la si farà mai. E questa è una presa in giro dei risparmiatori e delle famiglie che su questo tema hanno il diritto della chiarezza e della certezza“. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.
  • tancredi

    Tancredi: Decreto #Terremoto primo passo, ora insistere su zona franca

    Soddisfazione per l’esito del lavoro in commissione sul decreto Terremoto. Insieme ai colleghi abruzzesi siamo riusciti a migliorare tanto il provvedimento, certi che c’è ancora altro su cui intervenire. Non possiamo considerare il decreto esaustivo, ma sicuramente si tratta di un primo importante passo. Un ringraziamento va anche ai membri di Governo che hanno dato ascolto alle esigenze che venivano dal territorio”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi.

    “Innanzitutto è stato allargato il cratere sismico ad altri nove comuni: Castelcastagna, Colledara, Isola del Gran Sasso, Pietracamela, Fano Adriano, nel teramano, Barete, Pizzoli e Cagnano Amiterno in provincia de L’Aquila e Farindola nel pescarese. In questo modo sono stati sanati degli squilibri evidenti, in attesa poi di intervenire per colmare altre esigenze. Grazie a un altro emendamento a mia prima firma, e riformulato dalla relatrice, per i territori entro il cratere sono stati equiparati i danni dall’emergenza maltempo a quelli dovuti al terremoto. Per i territori fuori dal cratere – aggiunge Tancredi – sono state rifinanziate le norme della legge di Stabilità 2016: per i privati il risarcimento delle prime e seconde case (rispettivamente dell’80 e del 50 per cento), per le aziende invece il risarcimento del danno. Rimane aperta la partita relativa ai danni subiti dalla neve per i Comuni e la Pubblica amministrazione fuori dal cratere, per i quali il Governo si è impegnato a intervenire all’interno del Dl Enti locali che sarà approvato a breve. Pieno sostegno anche alla norma che concentra tutto l’8 per mille nazionale nelle zone del cratere per i prossimi dieci anni, strumento formidabile per il ripristino del patrimonio artistico e culturale delle zone ferite dal sisma”.

    “Ritengo inoltre di grande importanza – prosegue il parlamentare abruzzese – l’annuncio fatto dal Governo, in sede di commissione, dell’avvio di una procedura di notifica all’Ue per istituire una zona franca nel cratere che si poggerebbe su: esenzione fiscale ed esenzione contributiva per aziende e professionisti, comprese le aziende che prenderanno la residenza nella zona per i prossimi tre anni; naturalmente questo provvedimento è sottoposto alla regole del de minimis e cioè con un massimo di 200 mila euro l’anno per azienda. Insisteremo molto su questa norma perché rappresenterebbe la vera misura anti spopolamento. L’impegno concreto per rilanciare lo sviluppo di tutta la regione. E’ chiaro che insieme agli edifici se non ricostruiamo anche l’appetibilità economica rischiamo di realizzare una ricostruzione nel deserto. In attesa dell’istituzione della zona franca – conclude Tancredi – riveste un significato particolare la norma approvata questa notte che riserva al cratere sismico il dieci per cento, ovvero 150 milioni di euro, del fondo di 1,5 miliardi relativo ai contratti di sviluppo nazionali istituiti dal Mise con Invitalia, attraverso cui saranno realizzate le infrastrutture e si favoriranno investimenti e l’insediamento di realtà produttive”.

  • img_6514.jpg

    Lupi: O nuovi elementi di flessibilità o voteremo no. #Voucher

    “Ribadisco che Area popolare è assolutamente contraria all’abolizione dei voucher. Non ci si può far ricattare dalla Cgil facendone pagare il prezzo ai giovani e ai precari che grazie a questo strumento lavorano. Chiediamo che il presidente del Consiglio si faccia garante, durante il periodo di transizione, della presentazione di un decreto che reintroduca elementi di flessibilità come ad esempio i voucher alla francese o i mini jobs alla tedesca. In caso contrario il nostro voto su un decreto che per evitare un referendum riporta indietro di vent’anni il Paese non ci sarà. Meglio allora sentire che cosa ne pensano gli italiani”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.

  • lupi1

    Lupi: Abrogazione totale #Voucher? Noi voteremo contro

    “Non siamo assolutamente d’accordo con quanto deciso dalla commissione Lavoro della Camera dei deputati. Abrogare i voucher per evitare un referendum è il classico caso in cui si butta via il bambino con l’acqua sporca. È come eliminare i semafori perché c’è chi passa col rosso. Il danno all’economia, soprattutto dei piccoli imprenditori, dei lavoratori occasionali, delle famiglie si farà presto sentire. Senza l’introduzione certa di strumenti di flessibilità, ad esempio i voucher alla francese o i mini jobs alla tedesca, che continuino a garantire la possibilità di svolgere lavori occasionali contribuendo così al reddito familiare o mantenendosi in questo modo gli studi, il nostro voto sarà contrario”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.

  • marottaimage

    Marotta: #Ap sempre in prima linea per migliorare vita #cittadini. #DlSicurezza

    “L’acuirsi di situazioni devianti nelle città urbane e l’insorgere di nuove e vecchie emergenze che viviamo ogni giorno, dall’immigrazione alla prostituzione, alla droga.., sono alla base delle linee direttive del decreto sulla sicurezza. Il provvedimento si pone l’obiettivo, di fronte a una diffusa percezione di insicurezza, di disciplinare tutto ciò che attiene alla quotidianità nelle città e nelle periferie. Un’ulteriore forte risposta di questo governo alla richiesta di serenità e di sicurezza che viene dai cittadini. Ed in questo Area popolare è in prima linea, privilegiando sempre e comunque interventi che rendono migliore la qualità della vita dei cittadini”. E’ quanto ha dichiarato il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta, intervenendo in Aula in dichiarazione di voto sul dl Sicurezza.

  • PizzolanteImagoeconomica_644512

    Pizzolante: Abolizione #Voucher è ritorno alla preistoria, voteremo contro

    “Noi non siamo d’accordo. L’abolizione dei voucher è un passo indietro verso la preistoria del mercato del lavoro. Significa consegnare centinaia di migliaia di giovani al lavoro nero ed è un danno enorme per le imprese; soprattutto nei settori dei servizi del commercio e del turismo. Sul piano politico e culturale significa cedere al conservatorismo ideologico della Cgil. Il governo delle riforme non può ridursi a diventare il governo che le abolisce.
    Se non ci saranno misure compensative immediate, come, solo per fare un esempio, la liberalizzazione e la semplificazione radicale del lavoro intermittente, non voteremo la fine dei voucher.” Così in una nota il Capogruppo di Area popolare in Commissione lavoro, Sergio Pizzolante.
     
  • minardo2

    #DLTERREMOTO, MINARDO: STATO DIA SEGNALE VICINANZA A #SICILIANI

    “Prosegue l’esame in Commissione Ambiente alla Camera del DL Terremoto recante nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 e del 2017. Nell’ambito del provvedimento è stato previsto un emendamento del relatore per far fronte ai danni occorsi al patrimonio privato ed alle attività economiche e produttive relativamente agli eccezionali eventi atmosferici verificatisi nei territori delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria nella seconda decade del mese di gennaio 2017. All’interno di questo atto emendativo ho presentato un subemendamento per estendere alla Sicilia i benefici derivanti dal Dl in questione a sostegno delle famiglie colpite dall’alluvione che si è abbattuta nell’isola, in particolare in provincia di Ragusa, il 22 e 23 gennaio scorso.” Lo dichiara il deputato di Area popolare, Nino Minardo che prosegue : ” Non si possono escludere tanti siciliani che hanno subito danni alle loro abitazioni e alle loro attività ed il subemendamento presentato a mia prima firma va nella direzione del sostegno ai privati al fine di consentire loro di ricostruire le proprie abitazioni e le piccole imprese artigianali, commerciali e zootecniche messe in ginocchio dalle avversità atmosferiche. È necessario ed urgente un segnale tangibile di attenzione e di vicinanza da parte dello Stato nei confronti di quei siciliani che loro malgrado si trovano in difficoltà perché dopo anni di sacrifici e lavoro in poche ore hanno visto distrutte le loro case e affossate le loro attività”, conclude Minardo.
     
  • causin2016-11-25-photo-00002128

    Causin: Demenziale abolizione #Voucher. Perseguire abusi, non eliminare strumento

    “Non c’è nessuna ragione di Stato o di opportunismo politico che possa giustificare l’adozione di un provvedimento fuori dalla realtà. L’abolizione totale dei voucher da parte del Parlamento e del Governo è una scelta sbagliata, che apre le porte al lavoro nero e colpisce milioni di piccole imprese commerciali e artigiane, che rappresentano il tessuto produttivo del Paese” così, in una nota, Andrea Causin, deputato di Area popolare e presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie.
    “Gli abusi, laddove ci sono stati, sono noti attraverso i dati dell’INPS e come tali vanno perseguiti e contenuti sul piano normativo. Va perseguito l’abuso, non eliminato lo strumento. L’eliminazione totale dei voucher va a colpire soprattutto le piccole realtà imprenditoriali di questo paese, che hanno potuto regolarizzare posizioni, a fronte di eccezionali o stagionali esigenze di lavoro” spiega.
    “È un operazione scellerata frutto di un pregiudizio e di una scarsa conoscenza del sistema produttivo italiano. Per quanto mi riguarda non voterò a favore della cancellazione dei voucher se contemporaneamente non si predisporrà uno strumento per mettere in condizione le imprese di far fronte alla necessità di lavoro eccezionale nella legalità” conclude Causin.
     
  • imagestancredi

    Tancredi: #Pd e #Cgil ormai a braccetto, no ad abolizione #Voucher

    Pd e Cgil ormai vanno a braccetto. Sul congresso del Partito democratico si sta consumando un grave strappo con migliaia di cittadini e lavoratori. Ribadiamo il nostro no all’abolizione dei voucher, sì a modifiche e sì alla flessibilità del mercato del lavoro. Stop a totem ideologici del secolo scorso”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi.
     
  • aeroporto reggio pp_numeri-utili

    Scopelliti-Garofalo: Governo e Regione trovino presto soluzione per scalo #ReggioCalabria

    Sull’aeroporto di Reggio Calabria va trovata quanto prima una soluzione. Le intenzioni di Alitalia di cessare i voli, oltre a comportare il licenziamento di molti dipendenti dello scalo reggino, penalizzerebbero gravemente una vasta area urbana già pesantemente deficitaria di collegamenti infrastrutturali adeguati. Lasciare che l’aeroporto chiuda e non riuscire a tutelare il territorio sarebbe dunque devastante per i cittadini oltre che prestare il fianco a strumentalizzazioni e sterili populismi. Il Governo faccia dunque la sua parte, ma anche la Regione si attivi immediatamente per risolvere questa emergenza, intervenendo nel caso sulla stessa Sacal, la società aeroportuale calabrese”. E’ quanto dichiarano i deputati di Area popolare Rosanna Scopelliti e Vincenzo Garofalo, che hanno presentato un’interrogazione urgente al ministro Delrio durante il question time alla Camera dei Deputati.

    “Già in passato – proseguono – la decisione di Alitalia di eliminare alcuni voli da e per Reggio Calabria da Milano aveva pesantemente penalizzato l’intera zona, interrompendo quella continuità territoriale essenziale per la sopravvivenza dell’economia del territorio. Nonostante i numerosi incontri e tavoli tecnici non sono state formulate soluzioni efficaci: Alitalia, infatti, procederà alla cancellazione di tutti i voli da e per Reggio Calabria a partire dal 27 marzo. Per questo ci auguriamo che il Governo e la Regione facciano di tutto nell’immediato per scongiurare l’esecutività di una gravissima ed elitaria decisione, pesantissima per i cittadini di Reggio e di tutta l’area dello Stretto”.