• bernardo

    BERNARDO: PIU’ SINERGIA PER MIGLIOR CONTRASTO ALLA #VIOLENZADONNE

    VIOLENZA DONNE, BERNARDO: PIU’ SINERGIA PER MIGLIOR CONTRASTO. ANCHE A ROMA NASCE TRUST WOMAN CARE

    Occorre maggiore sinergia tra le istituzioni pubbliche e private per la lotta alla violenza di genere in tutte le sue forme. Fare rete e’ fondamentale innanzitutto per prevenire tutti quegli atti volti ad offendere la dignita’ della donna. Per questo, dopo Milano (nello studio del prof. Stefano Loconte), abbiamo ‘aperto’ una sede anche a Roma (nello studio legale del prof. Valerio Vallefuoco) del Trust onlus “Woman Care” per realizzare progetti tesi a contrastare in modo concreto il fenomeno del femminicidio e anche del bullismo, sfruttando le tecnologie innovative e gli strumenti utili per un supporto immediato in occasione di un episodio di violenza”.
    Lo ha detto l’on. Maurizio Bernardo, presidente della Commissione Finanze della Camera, intervenendo oggi al Senato al convegno “Violenza contro le donne: prevenzione e contrasto”, a cui hanno partecipato anche Claudia Segre (presidente Global Thinking Foundation), Stefano Loconte (docente universitario) e Maria Cristina Ferradini (consigliere delegato di Fondazione Vodafone Italia), anch’essi tra i promotori del Trust Woman Care, che “raccoglie numerosi professionisti accomunati dalla volonta’ di promuovere iniziative per contrastare quelle che sono ormai due piaghe della nostra societa’”, ha aggiunto il presidente Bernardo.
    “Il Trust ha l’obiettivo finale della protezione integrale della famiglia e un aiuto fattivo alla societa’ in termini di risorse umane e materiali, visto e considerato che la prima causa di morte per le donne tra i 18 e i 44 anni e’ la mano del partner e dei parenti piu’ stretti mentre per gli uomini sono gli incidenti stradali”, ha detto Claudia Segre. Per Stefano Loconte “La caratteristica del trust, istituto anglosassone che sta trovando sempre maggiore applicazione anche in Italia, e’ la costituzione di un patrimonio separato – o piu’ patrimoni separati – da quelli personali di coloro che hanno istituito ed apportato beni al trust e da quelli dei soggetti chiamati ad amministrare tali beni nell’interesse dei beneficiari o, come nel caso di Woman Care, dello scopo perseguito”…………

  • img_9824-1.jpg

    BERNARDO: CONTRO IL #FEMMINICIDIO INSISTERE SULLA PREVENZIONE

    “Il 116esimo caso di femminicidio dall’inizio dell’anno e’ il risultato del notevole degrado culturale in cui e’ precipitata la societa’ contemporanea. Quest’ennesimo e triste primato, con l’ultimo episodio di Seveso, avvenuto alla vigilia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ci obbliga a potenziare le azioni gia’ messe in campo, non solo dal punto di vista legislativo. E’ apprezzabile l’impegno del Governo attraverso le iniziative attuate dai vari ministeri, a partire da quello dell’Interno, ma occorre insistere sulla prevenzione con campagne a tappeto indirizzate ai cittadini di tutte le eta’ e fasce sociali”. Ad affermarlo, in una nota, e’ l’on. Maurizio Bernardo (Ap), presidente della Commissione Finanze della Camera ed esponente di Area Popolare, il quale aggiunge:

    “Alla luce di questi numeri preoccupanti, abbiamo sentito il dovere morale di fare la nostra parte e nei giorni scorsi a Milano abbiamo presentato il Trust Woman Care, organizzazione composta da esponenti del mondo delle professioni accomunati dal desiderio di promuovere attivita’ e progetti finalizzati a contrastare in modo concreto ed efficace i fenomeni del femminicidio e del bullismo, sfruttando le tecnologie innovative per realizzare strumenti utili a fornire un aiuto e un supporto immediato in occasione di un episodio di violenza”.

    “Il Trust – spiega il presidente Bernardo, che domani a Roma introdurra’ i lavori del convegno ‘Violenza contro le donne: prevenzione e contrasto’, in programma al Senato – si fara’ promotore di progetti e iniziative che abbiano come comune denominatore il rispetto della parita’ di genere in tutti gli ambiti della vita civile, sociale, familiare e lavorativa”.

  • imagesbernardo

    BERNARDO: VOTO FAVOREVOLE AL #DLFISCALE NELL’INTERESSE DEL PAESE

    Noi di Area Popolare voteremo si’ al decreto fiscale perche’ riteniamo che con questo provvedimento il Governo, prima, e le Commissioni, poi, abbiano svolto un egregio lavoro nell’interesse del Paese, dei contribuenti, dei professionisti, delle imprese e anche degli investitori stranieri, che possono portare ulteriore linfa allo sviluppo del Paese”. Lo ha detto l’on. Maurizio Bernardo (Ap), presidente della Commissione Finanze della Camera, a margine del suo intervento in Aula alla Camera in dichiarazione di voto sul decreto fiscale.
    “L’obiettivo e’ quello di rafforzare la collaborazione tra fisco e contribuenti. In quest’ottica vanno lette la riorganizzazione della filiera tributaria e fiscale, con la nascita del nuovo ente Agenzia delle Entrate – Riscossione, il potenziamento della riscossione, la sanatoria delle cartelle, la Voluntary Disclosure 2 con la possibilita’ di ampliarla anche a quanti avevano gia’ aderito alla prima istanza, il pacchetto semplificazioni, l’abolizione degli studi di settore”, ha aggiunto il presidente Bernardo.

     

  • Maurizio-Bernardo

    BERNARDO: RACCOLTE ISTANZE CONTRIBUENTI. #Dlfiscale

    Il testo del decreto fiscale che da lunedi’ prossimo sara’ in Aula alla Camera presenta importanti novita’ in materia di tasse e semplificazioni per tutti i contribuenti, Pmi e professionisti. Posso dire che in queste settimane e’ stato svolto un intenso e produttivo lavoro da parte delle forze politiche e dei tecnici coinvolti”.
    Ad affermarlo, e’ l’on. Maurizio Bernardo (Ap), presidente della Commissione Finanze della Camera ed esponente di Area Popolare, incontrando i cronisti nella sala del Mappamondo a Montecitorio, il quale ha aggiunto: “Oltre alla soppressione di Equitalia e alla nascita del nuovo ente pubblico economico che consentira’ di perseguire importanti risparmi, migliorare il livello di efficienza delle prestazioni ed evitare sovrapposizioni, e’ stato approvato un aumento delle rate relative alle cartelle rottamate, dando la possibilita’ ai contribuenti di una maggiore dilazione”.
    Abbiamo, inoltre, raccolto le istanze dei professionisti e delle imprese, scrivendo la parola fine agli studi di settore, che dal 2017 diverranno indici di affidabilita’ fiscale, a cui sono collegati livelli di premialita’ per i contribuenti piu’ affidabili, e al tax day del 16 giugno”, ha continuato il presidente della Commissione Finanze.
    “Sulla Voluntary Disclosure 2 si e’ stabilito di ampliarla anche a coloro che hanno gia’ aderito alla prima istanza”, mentre in materia di comunicazioni IVA sono state abbassate le sanzioni per l’omessa o errata trasmissione dei dati di ogni fattura. La parola d’ordine in materia fiscale sara’ collaborazione”, ha concluso l’on. Bernardo.

  • imagesbernardo

    BERNARDO: VITTORIA #TRUMP, ORA RAFFORZARE RAPPORTI IMPRENDITORIALI

    Con la vittoria di Donald Trump si apre una fase nuova per il futuro degli Stati Uniti e delle relazioni con il resto del mondo. Ci auguriamo di consolidare i rapporti politici e di rafforzare ulteriormente quelli imprenditoriali, tenendo presente che gli Usa sono il primo investitore estero nel nostro Paese con una presenza attiva di 1900 imprese”.
    Ad affermarlo, in una nota, e’ l’on. Maurizio Bernardo (Ap), presidente della Commissione Finanze della Camera ed esponente di Area Popolare, il quale aggiunge:
    “Uno Stato come l’Italia che vuole essere attrattivo e competitivo dal punto di vista degli investimenti deve poter garantire la certezza del diritto e di conseguenza la stabilita’ delle regole del gioco. Ad esempio, l’introduzione della nuova disciplina dell’interpello in ambito fiscale mira a garantire un’assistenza piena alle imprese italiane ed estere che vogliono investire in Italia con lo scopo di dare solidita’ al sistema produttivo. Una rinnovata collaborazione tra Amministrazione fiscale e imprese, fondata sulla trasparenza, rappresenta un passo importante per combattere l’evasione fiscale”.
    “Infine, il clima di disgelo che Trump ha manifestato nei confronti della Russia rappresenta senza dubbio una delle maggiori novita’ nel campo della politica internazionale e una grande opportunita’ per la pace nel mondo e per le relazioni con l’Europa intera”

  • presentazione-glossario-nella-foto-presidente-bernardo-e-presidente-segre

    BERNARDO: UN GLOSSARIO PER GUIDARE I RISPARMIATORI. PRESENTAZIONE OGGI A MILANO

    “L’idea di realizzare un glossario per guidare e orientare i cittadini nell’articolato mondo del risparmio e’ un’opera meritoria che va al di la’ dell’aspetto editoriale in senso stretto”. Lo ha detto l’on. Maurizio Bernardo (Ap), presidente della Commissione Finanze della Camera, intervenendo oggi alla Casina degli Atellani a Milano, alla presentazione del glossario “Parole di Economia e Finanza”, curato con la regia della Global Thinking Foundation (presidente Claudia Segre) ed edito da Giunti Scuola, 7mila copie cartacee e 121mila digitali da distribuire nelle scuole.
    “Una fotografia della situazione  – ha aggiunto il presidente Bernardo – e’ stata scattata anche dal rapporto 2016 di Consob, pubblicato a settembre scorso, secondo cui oltre il 20% delle famiglie non conosce gli strumenti finanziari e ammette di non avere familiarità con gli stessi”.
    “In Parlamento stiamo provando a recuperare un ritardo di decenni attraverso l’approvazione, avvenuta in Commissione prima dell’estate e che ora attende solo il via libera della Ragioneria Generale dello Stato prima di andare in aula, di una proposta di legge bipartisan di cui sono il primo firmatario, dal titolo: “Disposizioni concernenti la comunicazione e la diffusione delle competenze di base necessarie per la gestione del risparmio privato”, che prevede l’istituzione di un programma nazionale in grado di fornire ai cittadini italiani, di tutte le fasce di eta’, le conoscenze necessarie per orientarsi nel mondo del risparmio e del credito”, ha spiegato l’on. Bernardo.
    “La parola chiave e’ l’alfabetizzazione. Sotto questo punto di vista, l’Italia sconta un enorme ritardo, come evidenziato dall’OCSE secondo cui nel nostro Paese manca una strategia nazionale per l’educazione finanziaria. Operativamente, il coordinamento delle attivita’ per promuovere la comunicazione e la diffusione dell’educazione finanziaria sara’ affidato ad un Comitato incardinato presso il MEF, senza costi aggiuntivi a carico dello Stato. In concreto, e’ un presidio stabile ma nello stesso tempo sufficientemente flessibile e snello, per assicurare lo svolgimento delle azioni poste in essere dagli attori pubblici e privati che ne faranno parte”, ha continuato il presidente della Commissione Finanze.
    “Dopo l’approvazione del decreto fiscale e della Legge di Bilancio, contiamo di licenziare il testo in aula a Montecitorio. Alla luce della convergenza di tutte le forze politiche, l’auspicio e’ che sia approvata in tempi rapidi”, ha concluso il presidente Bernardo.

  • Maurizio-Bernardo

    BERNARDO: RISOLUZIONE PER DISTRETTO D’AFFARI A MILANO. #BREXIT

    “Una risoluzione per impegnare il Governo ad adoperarsi per la costituzione di un distretto d’affari a Milano in grado di svolgere la funzione di cittadella finanziaria europea dopo il referendum inglese del giugno scorso”.
    Ad annunciarne la presentazione, in Commissione Finanze alla Camera, e’ il presidente Maurizio Bernardo (Ap), primo firmatario dell’atto, bipartisan, sottoscritto anche dai deputati Alessandro Pagano e Gregorio Gitti.

    “L’obiettivo – spiega il presidente Bernardo – e’ creare un ecosistema per l’intera gamma dei servizi d’investimento ai sensi della direttiva Mifid e organizzare il distretto in forma di Gruppo Economico d’Interesse Europeo (Geie), con natura giuridica privatistica, e favorire l’adesione al Gruppo di soggetti internazionali accanto a soggetti istituzionali italiani tra cui operatori bancari, intermediari finanziari, del mondo del credito e del risparmio in generale”.

    “Con l’estensione del ruolo dell’Arbitro per le controversie finanziarie all’interno del nascituro distretto, si puo’ ripensare il sistema delle impugnazioni e promuovere la stipula di convenzioni con la Corte arbitrale europea, secondo quanto prevede il diritto anglosassone”, fa notare il presidente Bernardo.

    “Considerato il legame industriale tra le borse valori di Londra e Milano e, alla luce della capacita’ attrattiva della citta’, va assolutamente sostenuta la proposta del Comitato Select Milano, audito dalla Commissione Finanze lo scorso 21 settembre, che ha intrapreso un’iniziativa di diplomazia economica per considerare il trasferimento a Milano delle risorse e delle piattaforme per l’Euroclearing in uscita da Londra. In caso positivo, Milano puo’ diventare la capitale finanziaria dell’Eurozona”, aggiunge.

    “Il programma illustrato dal Comitato Select Milano prevede un pacchetto di misure fiscali, organizzative e normative capaci di offrire agli investitori internazionali forme di collaborazione transnazionale, che coltivino dalla base la possibilita’ di replicare, tramite l’esercizio dell’autonomia privata nell’autoregolamentazione degli interessi, le ragioni di successo del modello inglese”, conclude la nota. 

  • img_6982-1.jpg

    BERNARDO: NUOVA RISCOSSIONE SIA PIU’ VICINA A CONTRIBUENTI

    “La soppressione di Equitalia, con l’istituzione di un unico ente che svolga attivita’ di imposizione e riscossione, va nell’ottica di una complessiva semplificazione e miglioramento della gestione dell’intera filiera tributaria e fiscale, sia dal punto di vista organizzativo interno che nei rapporti con il cittadino-contribuente”. Ad affermarlo, e’ l’on. Maurizio Bernardo, presidente della Commissione Finanze della Camera, a margine dell’audizione dell’amministratore delegato di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini, oggi a Montecitorio.“Anche da questo punto di vista, purtroppo, l’Italia sconta un grave ritardo, come recentemente rilevato dai rapporti Ocse e Fmi sul sistema fisco italiano – aggiunge il presidente Bernardo – . Occorre mettersi subito sullo stesso piano dei principali Paesi europei. Un unico soggetto responsabile di tutto il processo, dall’accertamento fiscale alla riscossione, e’ in grado di migliorare la gestione della compliance agli obblighi fiscali”.

    “Con gli emendamenti al decreto fiscale, contiamo di aumentare il numero delle rate relative alle cartelle rottamate, in un numero maggiore delle quattro attualmente previste, secondo il principio per cui se il contribuente, persona fisica o impresa, ha la possibilita’ di dilazionare ulteriormente nel tempo la somma da versare, anche le entrate nelle casse dello Stato possono aumentare”, conclude la nota.

  • maurizio-bernardo

    BERNARDO: #GIORNATARISPARMIO, MEF ‘SBLOCCHI’ EDUCAZIONE FINANZIARIA

    “Con le recenti riforme nel settore bancario e finanziario, i risparmiatori e gli investitori si troveranno, d’ora in poi, a dover fronteggiare situazioni complesse verso le quali sara’ necessario adottare un nuovo approccio verso il settore. Inoltre, gli effetti della globalizzazione sulla distribuzione dei prodotti finanziari favoriscono un effetto di diffusione e contagio anche degli scandali finanziari che espongono il singolo a nuove opportunita’ da un lato e a nuovi rischi e possibili perdite in conto capitale, dall’altro”.
    Ad affermarlo, in una nota, e’ l’on. Maurizio Bernardo (Ap), presidente della Commissione Finanze della Camera ed esponente di Area Popolare, in occasione della 92esima giornata del risparmio, il quale aggiunge:
    “Sull’azione informativa e l’impegno alla trasparenza del sistema bancario condivido le parole del Capo dello Stato, Sergio Mattarella. L’auspicio e’ che il sistema bancario focalizzi le sue azioni sulla qualita’ degli investimenti e il supporto agli impieghi diretti a progetti di sviluppo nell’economia reale dove anche i risparmiatori potranno fare la differenza solo con una maggiore consapevolezza finanziaria. In Parlamento, stiamo provando a recuperare un ritardo di decenni attraverso l’approvazione di una proposta di legge sull’educazione finanziaria, di cui sono il primo firmatario, gia’ licenziata in Commissione Finanze, alla quale manca la bollinatura della Ragioneria dello Stato e del Mef propedeutica al prescritto parere della Commissione Bilancio di Montecitorio”.
    “Non e’ un caso che anche al Fondo Monetario si sia parlato di questo delicato tema per mettere i risparmiatori nelle condizioni di ‘avvicinarsi’ a una finanza riorganizzata e resa piu’ solida dalle nuove direttive in tema di patrimonializzazione e monitoraggio dei rischi e accessibile a tutti, grazie anche alle migliorie digitali”

  • Maurizio-Bernardo

    BERNARDO: NON DIMENTICARE SHOAH, SU UNESCO PRONTA INTERROGAZIONE

    “L’omaggio del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, sotto la lapide in memoria dei deportati ebrei romani uccisi nei campi di sterminio nazisti, ha il significato di promuovere il ricordo di un popolo che ha sofferto oltre l’umana comprensione e serve a tenere viva la memoria dell’Olocausto affinche’ le giovani generazioni non dimentichino gli orrori della Storia”.
    Ad affermarlo, in una nota, Maurizio Bernardo, presidente dell’associazione interparlamentare di amicizia Italia-Israele.

    “La comunanza di valori religiosi, etico e morali, tra cristiani ed ebrei, che risale alla notte dei tempi, suggelli un’amicizia che va al di la’ di aspetti politici e sociali”, aggiunge il presidente Bernardo, che preannuncia “la presentazione di un’interrogazione parlamentare in merito alla risoluzione Unesco su Monte del Tempio e Muro del Pianto in Gerusalemme, anche alla luce della posizione pilatesca assunta dall’Italia che si e’ astenuta durante la votazione sul provvedimento”.

    “Quanto accaduto e’ davvero sconcertante. La risoluzione va cambiata e faremo tutto quanto in nostro potere per cancellare una decisione antistorica e culturalmente sbagliata, prima ancora che incomprensibile e inopportuna. A tutto il popolo d’Israele, all’Ambasciatore dello Stato d’Israele in Italia Ofer Sachs e al presidente Ucei Noemi Di Segni, rinnovo la vicinanza mia personale e quella dell’associazione tutta”, conclude la nota.