• vaccino immagini.quotidiano.net

    #Vaccini, Bosco: orgoglioso del provvedimento

    Oggi io e il mio gruppo parlamentare abbiamo votato convintamente si il Decreto Lorenzin sui vaccini. Sono particolarmente orgoglioso del provvedimento che mira a proteggere i più piccoli e tutti i cittadini italiani. Dispiace certamente per i toni che nel corso del dibattito sono stati usati, spesso pesanti e privi di fondamento ma è nostro dovere ascoltare la comunità scientifica e dotare il nostro Paese di una legge in grado di garantire il diritto alla salute per tutti”. Lo dichiara in una nota Nino Bosco, deputato di Alternativa popolare.
  • lupivacciniIMG_6703

    Lupi: Sì convinto al dl #Vaccini. E’ la strada della responsabilità

    Questo provvedimento è il modo con cui si sceglie tra la strada della verità, della realtà e della responsabilità che spetta alla politica e a chi ricopre cariche di governo, e tra chi invece sceglie l’apparenza o la post verità. Scegliere quindi tra verità e realtà contro apparenza e post verità. È questo il binomio che ha davanti il legislatore, chi è chiamato a fare politica con p maiuscola. Questa è la grande divisione che abbiamo davanti. E i dati della realtà, non scelti dalla politica ma comunicati dalla comunità scientifica, indicano che i casi di morbillo quest’anno in Europa a maggio 2017 sono stati 5483, e solo in Italia 3501 con due decessi, e che l’89% non era vaccinato e il 6% solo con una dose. Il morbillo riguarda tutti noi, i nostri figli, i nostri nipoti. È il diritto di andare all’asilo di tutti, anche di quel bambino malato che non può vaccinarsi e rischia il contagio. Non credo che questo sia soddisfare l’ego del ministro Lorenzin, come qualcuno ha detto. La scelta quindi, che avevamo davanti- prosegue- era tra realtà ed immaginazione, tra verità e post verità. Tra il seguire chi urla di più o indicare la strada della soluzione, doverosa per un governo e un Parlamento. E’ evidente che l’obbligatorietà non è un dogma, ma è decisivo e determinante imporla laddove scatta il campanello d’allarme, laddove la soglia di responsabilità si è abbassata e laddove l’ignoranza ha avuto il sopravvento. Chi fa campagne no vax non si rende conto che per inseguire il sogno di qualche voto in più si assume una grave responsabilità nei confronti della salute di ogni persona”. Cosi Maurizio Lupi, capogruppo di Alternativa popolare durante la dichiarazione di voto in Aula sul decreto vaccini.

     

  • ministero saluteindex

    Il «decreto-legge prevenzione vaccinale» a seguito dell’approvazione del Senato

    Con il decreto vaccini approvato dal Senato e che passa all’esame della Camera “torna l’obbligatorietà dei vaccini ma soprattutto diamo una risposta ad un buco di immunizzazione di massa che abbiamo nel nostro Paese, mettiamo in sicurezza la collettività rispetto a malattie infettive molto gravi e di cui purtroppo si è sottostimato il rischio in questi anni”. Lo ha detto Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, dopo l’ok di palazzo Madama al provvedimento.

     

    Tutte le pricipali novità in sintesi: slide decreto vaccini

  • vaccino02

    #dlvaccini, Scopelliti: senso di responsabilità prevale

    Oggi il Senato ha approvato il dl vaccini fortemente voluto dal Ministro Lorenzin. Il senso di responsabilità ha prevalso sulle fantasiose teorie no vax e sugli sproloqui di alcuni parlamentari”. Lo dice Rosanna Scopelliti, deputato di Alternativa popolare.
    “Nonostante i cambiamenti apportati al Senato, l’impianto del decreto non è stato stravolto ed è stata mantenuta sia l’obbligatorietà dei vaccini più importanti e le sanzioni per i genitori che non intendono vaccinare i loro figli.
    Da parlamentare e da madre- spiega la parlamentare- sono particolarmente orgogliosa del decreto e del mio partito che, attraverso il Ministro della Salute, lo ha convintamente sostenuto. Mi auguro di cuore che i genitori dimostrino molto più buonsenso e si affidino alla scienza piuttosto che alle chiacchiere”.
  • lorenzin_50005230_300

    #VACCINI, LORENZIN: CON DECRETO METTIAMO IN SICUREZZA LA #COLLETTIVITA’

     Torna l’obbligatorietà dopo lungo dibattito e con ampio voto trasversale

    Con il decreto vaccini approvato dal Senato e che passa all’esame della Camera “torna l’obbligatorietà dei vaccini ma soprattutto diamo una risposta ad un buco di immunizzazione di massa che abbiamo nel nostro Paese, mettiamo in sicurezza la collettività rispetto a malattie infettive molto gravi e di cui purtroppo si è sottostimato il rischio in questi anni“. Lo ha detto Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, dopo l’ok di palazzo Madama al provvedimento. “L’Italia -ha aggiunto- ha così reintrodotto l’obbligatorietà vaccinale, con un lungo dibattito in Senato su un decreto su cui non è stata posta la fiducia e su cui abbiamo avuto un larghissimo voto di maggioranza e trasversale. Il messaggio chiaro agli italiani è che bisogna tornare a vaccinarsi per mettere in sicurezza la collettività e i nostri bambini. E’ anche una risposta a un’epidemia in atto, quella del morbillo, che in questo momento purtroppo conta 3672 casi e tre decessi”. “Verrà fatto -ha sottolineato Lorenzin- un grande sforzo con il mondo della scuola, gli operatori sanitari, i pediatri, i medici di medicina generale per informare le famiglie e i genitori per colmare il gap di immunizzazione che ci ha costretto a fare questo decreto e a tornare all’obbligatorietà. Sono molto fiduciosa e lo dico alle famiglie: è un provvedimento a tutela dei bambini italiani, tutti, anche di quelli che non possono essere vaccinati”.