• marotta

    #dlFiscale, Marotta: #Equocompenso è realtà, nonostante #Antitrust

    Con il via libera al dl fiscale l’equo compenso per i professionisti finalmente è realtà, con buona pace per l’Antitrust. Da Alternativa popolare grande soddisfazione per una misura sulla quale ci siamo spesi per mesi, andando avanti anche quando ormai si erano perse le speranze. Siamo stati i primi a intervenire, con interrogazioni e altri atti parlamentari, per riportare il tema nell’agenda del dibattito parlamentare. E oggi il Parlamento, nella sua piena autonomia e sovranità, ha approvato questa norma, superando anche i tardivi rilievi dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Una norma attraverso la quale molti giovani, non solo avvocati, saranno posti nella condizione di svolgere la propria professione in maniera dignitosa”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • marotta

    #equocompenso, Marotta: Per #Antitrust lede la concorrenza? Allora aboliamo gli studi settore..

    Per l’Antitrust l’equo compenso per tutte le professioni, inserito nel dl fiscale, è anticoncorrenziale. Perché, sostiene l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, l’equo compenso reintroduce un sistema di tariffe minime in controtendenza ai processi di liberalizzazione. È bene però ricordare come, da un punto di vista fiscale, i professionisti siano ad oggi ancora sottoposti al regime degli studi di settore, che significa una soglia minima di fatturazione da rispettare. Mi chiedo allora: come si concilia la ratio degli studi di settore con il regime di liberalizzazione rivendicato dall’Antitrust? Quindi o si aboliscono definitivamente gli stessi studi di settore, che di fatto sono incompatibili con il libero mercato, oppure va bene l’equo compenso che introduce i minimi. Tertium non datur. Tra l’altro per quanto riguarda nello specifico gli avvocati, in Italia, a differenza degli altri Paesi europei, la professione è in crisi. Per cui l’equo compenso è il giusto e inevitabile intervento per il settore. Ad oggi, con le norme vigenti, l’unica concorrenza rispettata è quella tra poveri”. Lo dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.
  • lupi2images

    #dlfiscale, Lupi: Su #equocompenso impegno mantenuto, norma di civiltà

    Alternativa popolare aveva chiesto l’introduzione dell’equo compenso per tutti i professionisti, dopo che era stato stralciato dalla manovra. Per noi era un punto imprescindibile. Siamo stati ascoltati. Impegno mantenuto. Insieme all’onorevole Garofalo e ai colleghi parlamentari ne abbiamo fatto una battaglia in questi mesi, attraverso interrogazioni e altre iniziative alla Camera e in Senato. Si tratta di una norma di assoluto buon senso, che non si poteva più procrastinare. Una norma di civiltà e giustizia verso migliaia di giovani avvocati, architetti, periti… troppo spesso vessati e lesi nella propria dignità nei confronti dei cosiddetti contraenti forti. L’estensione a tutti i professionisti, come previsto nel dl fisco, rende giustizia e ci soddisfa pienamente”. E’ quanto dichiara il coordinatore nazionale di Ap Maurizio Lupi.

  • marotta

    #dlfiscale, Marotta: Con #equocompenso altro impegno mantenuto da #Ap

    Con l’equo compenso per tutti i giovani professionisti abbiamo portato a casa un nuovo importante risultato. Un altro impegno mantenuto da Alternativa popolare che per mesi si è battuta in tutte le sedi parlamentari per l’affermazione di questo provvedimento. Grazie a questa norma porremo molti giovani, non solo avvocati, nella condizione di svolgere la propria professione in maniera dignitosa. Si tratta di professionisti qualificati, preparati e competenti che meritano un compenso tale da guardare con ottimismo al futuro e con fiducia nei confronti della classe politica. Da parte di Ap la conferma della costante attenzione alla crescita dei nostri giovani”. È quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • marotta23316736_1664526346943133_8354820493439841601_n

    #Dlfiscale, Marotta: Pieno sostegno a norma su #equocompenso

    “Accogliamo positivamente e siamo convintamente favorevoli all’emendamento presentato dal relatore al dl fiscale sull’introduzione dell’equo compenso. Sosterremo con forza la sua iniziativa, ribadendo l’importanza di un provvedimento a tutela dell’attività dei giovani professionisti”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Alternativa popolare in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • marottaimage

    Marotta: Su #equocompenso impegno mantenuto, battaglia #Ap

    Sull’equo compenso impegno mantenuto. La norma sarà approvata prima della fine della legislatura, come da mesi auspicato e sollecitato da Alternativa popolare, anche con numerosi atti e interventi parlamentari. Il Cdm infatti ha recepito nella legge di Bilancio il relativo ddl, sempre di iniziativa governativa, all’esame della commissione Giustizia alla Camera. Siamo soddisfatti che il Governo ci abbia ascoltati, ponendo la questione degli avvocati e dei giovani professionisti discriminati e del giusto compenso per la qualità delle prestazioni tra i punti principali della propria azione in questi ultimi mesi prima del voto. In Parlamento Ap fornirà il proprio consueto contributo per una rapida approvazione della norma. La nosta battaglia continua per dare un segnale a tutte le categorie, dai commercialisti agli architetti che, anche loro, stanno pagando oltremodo il prezzo della crisi”. È quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.
  • marottaimage

    Marotta: Norma #equocompenso in #LeggeBilancio è svolta, pieno sostegno di #Ap

    La nostra battaglia sull’equo compenso sembra in dirittura d’arrivo: a quanto pare infatti il Governo ha ritenuto di recepire nella legge di Bilancio il relativo ddl, sempre di iniziativa governativa, all’esame della commissione Giustizia alla Camera. E’ quanto emerge dalle notizie sulla bozza della manovra economica. Se confermata sarebbe un’ottima notizia. Questo consentirebbe di accelerare i tempi e, soprattutto, di mantenere l’impegno di approvare la norma sull’equo compenso prima della fine della legislatura. Prendiamo atto, dunque, che le continue sollecitazioni di Alternativa popolare hanno ottime probabilità di andare a buon fine. Siamo soddisfatti che il Governo abbia deciso di porre la questione dei giovani professionisti discriminati tra i punti principali della propria azione in questi ultimi mesi prima del voto. In Parlamento Ap vigilerà e fornirà il proprio consueto contributo per una rapida approvazione della norma”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • marottaimage

    Marotta: Bene ddl #equocompenso in Cdm, #Ap sostiene battaglia per #avvocati

    “È un’ottima notizia la decisione del Governo di portare lunedì in Cdm il ddl sull’equo compenso. Un impegno mantenuto da parte del ministro Orlando, che aveva anche ribadito rispondendo a una specifica interrogazione di Ap. Si tratta infatti di una battaglia del nostro partito, e mia in particolare, portata avanti da mesi, tra iniziative parlamentari e il sostengo alle manifestazioni promosse dalle categorie nelle scorse settimane. Siamo convinti infatti che i professionisti, e in particolare i giovani avvocati, abbiano il diritto a una retribuzione equa della propria attività e che vada rafforzata la loro posizione contrattuale soprattutto nei confronti dei poteri forti, mi riferisco a banche e assicurazioni. Attendiamo che il testo sia licenziato dal Cdm. Sono certo che si tratterà di una buona base di partenza e che, alla ripresa dei lavori, il Parlamento saprà darne rapida approvazione, se serve anche migliorandolo, con il contributo e il sostegno di Alternativa popolare”. È quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.
  • marotta

    Marotta: Ok impegno #Orlando su #equocompenso, ora accelerare iter legge

    “E’ sicuramente positivo l’annuncio del ministro Orlando che il ddl sull’equo compenso vedrà la luce entro la fine della legislatura e che rimane, quindi, un preciso impegno del governo. Per questo ci aspettiamo che in Cdm ci possa essere un’accelerazione, considerato che il testo presentato dal Guardasigilli è fermo da nove mesi nei cassetti dell’Esecutivo”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta, intervenuto in risposta al ministro Orlando durante il question time nell’Aula di Montecitorio.

    “Si tratta di una legge di estrema importanza per i professionisti e soprattutto per i giovani. Siamo tutti consapevoli, infatti, che spesso quando ci si avvia alla professione ci si trova di fronte a tariffe onorarie tali da non consentire di sopravvivere. Addirittura a volte i cosiddetti clienti ‘forti, banche e assicurazioni, chiedono ai giovani professionisti di anticipare le spese. E’ chiaro che a queste condizioni non ci sarà per loro alcuna possibilità di intraprendere una seria e proficua attività professionale, così come di perfezionare la formazione e la propria qualificazione, necessarie soprattutto nella professione di avvocato”.

  • marotta

    #Professionisti, Marotta: Cdm approvi quanto prima ddl su #equocompenso

    “Piena solidarietà ai professionisti oggi in piazza a Roma per ottenere da parte del governo la giusta attenzione sull’equo compenso. In merito ricordo che lo scorso mese ho presentato un’interrogazione al ministro Orlando, con la quale chiedevo che fine avesse fatto il disegno di legge che lo stesso Guardasigilli aveva portato in Cdm per l’introduzione di una normativa sul giusto compenso per la qualità delle prestazioni. Ad oggi non risulta ancora approvato. Da parte di Alternativa popolare c’è il pieno sostegno a questo provvedimento, con l’auspicio che venga licenziato quanto prima e se ne possa discutere in Parlamento. Va dato un segnale agli avvocati, commercialisti, architetti e alle tante altre categorie che, anche loro, stanno pagando oltremodo il prezzo della crisi”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Alternativa popolare in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.