• Raffaello Vignali

    #MANOVRA, VIGNALI: CON #BONUSBEBE’ RICONOSCIUTO NOSTRO IMPEGNO PER LA #FAMIGLIA

    Abbiamo vinto la partita del Bonus Bebè. Il rifinanziamento completo per il 2018 che abbiamo voluto in manovra di bilancio è la nostra risposta più importante all’esigenza di tante famiglie. Abbiamo confermato una misura fondamentale e rilanciato con il pacchetto di detrazioni fiscali, attraverso l’innalzamento della soglia di reddito dei figli a 4000 euro. Una misura da circa 100 milioni che vanno concretamente nelle tasche delle famiglie”. Lo dichiara Raffaello Vignali deputato di Ncd-Ap e segretario di Presidenza della Camera.

    “In un Paese in forte decrescita demografica e con una popolazione anziana bisognosa di sempre maggiori cure com’è l’Italia – prosegue – vogliamo premiare chi fa figli, creando ricchezza sociale per tutti. Sostenere la famiglia vuol dire investire concretamente sul futuro del Paese”.

  • famiglia

    #LeggeBilancio, Scopelliti: Su #famiglia #Pd si metta d’accordo, no passi indietro

    All’interno del Pd dovrebbero mettersi d’accordo sulla linea da adottare circa le politiche per la famiglia. Se è quella di Renzi che propone mille euro annui per ogni figlio fino ai 18 anni, o quella di Gentiloni che prevede tagli come sul bonus bebè. Sul tema Alternativa popolare non accetta passi indietro. Hanno fatto bene i capigruppo Lupi e Bianconi a manifestare tutte le preoccupazioni e le perplessità dei parlamentari di Ap sulla legge di Bilancio che andremo a discutere nelle prossime settimane. È chiaro infatti che, come avvenuto in tutti questi anni, per noi la famiglia e il sostegno alla genitorialità rimangono una priorità. Questo sarà il nostro impegno anche per i mesi che rimangono prima della conclusione della legislatura”. È quanto dichiara la deputata di Ap Rosanna Scopelliti.

  • lupi-bianconiC5wi8v5WgAEL048-563x750

    #LeggeBilancio, Lupi-Bianconi: #Famiglia maltrattata, o si cambia o è dura votarla

    “Certo che una finanziaria così è difficile da votare. A parole tutti difendono la famiglia e sono preoccupati per il calo della natalità. Nei fatti la famiglia la bistrattano e i pochi provvedimenti a suo favore li annullano. Nella legge di bilancio dell’anno scorso con il governo Renzi si era finalmente invertita la rotta e alla famiglia erano stati destinati 600 milioni di euro, dopo il bonus bebè era stato creato anche il bonus per le neo mamme. In quella consegnata ieri al Senato il bonus bebè è sparito. Si regalano soldi a pioggia a destra e a manca, mance e mancette che si potrebbero più prosaicamente definire marchette. Non ci bastano le migliaia di enti inutili già esistenti in Italia, con questa legge di bilancio ne creiamo di nuovi, agenzie varie di cui non si capisce il senso e l’utilità e delle quali non si sente francamente il bisogno.

    Chiediamo che venga fatta pulizia di questi provvedimenti e che i fondi ad essi destinati vengano integralmente utilizzati per rifinanziare il bonus bebè, per aiutare cioè quei giovani cha hanno il coraggio di fare una famiglia e mettere al mondo dei figli. Ricordiamo bene le dichiarazioni del sottosegretario Boschi alla Conferenza nazionale della famiglia , disse che la famiglia è la ‘priorità del governo’, parlò di ‘margini stretti’ ma promise ‘un aumento dello stanziamento per le politiche familiari’. Disse che sarebbe arrivato ‘un segnale già nelle legge di bilancio’, si spinse sino a parlare di ‘quoziente familiare e delle misure per contrastare la denatalità’ e concluse assicurando che ‘il Pd comunque farà del tema del sostegno alle famiglie una bandiera della campagna elettorale’. Che cosa farà il Pd in campagna elettorale non ci interessa, ci preoccupa che cosa non sta facendo per la famiglia in questa legge di bilancio. Se i segnali promessi sono questi, sono pessimi”.

    Lo dichiarano in una nota congiunta Laura Bianconi e Maurizio Lupi, presidenti dei senatori e dei deputati di Alternativa popolare.

  • img_5704-6.jpg

    LUPI, DATI #ISTAT CONFERMANO BONTA’ RIFORME, ORA #LEGGEBILANCIO CHE AIUTI #FAMIGLIE E #IMPRESE

    “I dati dell’economia continuano a confermare la bontà delle riforme dei governi che, pur formati da forze di estrazione politica diversa, hanno accettato la sfida di portare il paese fuori della crisi. Ora l’ultimo atto, una legge di bilancio che aiuti le famiglie, vero agente di welfare in questi anni di crisi, e sostenga il rilancio delle imprese, solo così, infatti, si crea lavoro e occupazione”.
    Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.
  • img_5703-3.jpg

    Lupi: #PD d’accordo su #leggestabilità? Bene per #famiglie e tasse

    Prendiamo atto con piacere della virata del Pd che si dice disponibile ad approvare la legge di stabilità per poi votare nel 2018. Allora la maggioranza la faccia insieme. Noi vogliamo una legge di stabilità in cui la famiglia sia al centro e che preveda l’abbassamento delle tasse. Per quanto riguarda la legge elettorale ribadiamo che il nostro obiettivo è migliorarla nel suo percorso parlamentare attraverso l’introduzione di un premio di governabilità da attribuire al primo partito e ponendo fine alla stortura per cui ogni futuro parlamentare sarà scelto solo dalle segreterie di partito, perciò ci vogliono le preferenze”. Così Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, nel corso di Uno Mattina su Rai1.
     
  • bonus nido2017-05-25-PHOTO-00006127

    COSTA: IN ARRIVO #BONUSNIDO, FINO A 1000 EURO

    “Dopo il bonus ‘Mamma Domani‘, che in sole due settimane ha superato le 100mila richieste, è in arrivo un’altra importante misura strutturale a favore delle famiglie, che abbiamo inserito nella Legge di Bilancio: il Buono Nido. L’INPS ha infatti pubblicato sul proprio sito la circolare operativa: dal 17 luglio i genitori di bimbi nati o adottati a partire dal 1° gennaio 2016 potranno fare domanda per accedere al contributo che prevede fino a mille euro l’anno per i primi tre anni del bambino per affrontare il costo della retta degli asili nido pubblici e privati”. Lo afferma il Ministro della Famiglia, Enrico Costa. Il contributo è esteso a forme di supporto domiciliare per quei bambini affetti da gravi patologie croniche e impossibilitati a frequentare i nidi. “Si tratta di un altro significativo tassello – aggiunge Costa – in un percorso di sostegno alle famiglie, che abbiamo avviato con grande convinzione e che dovrà proseguire negli anni a venire, con continuità, senza incertezze e con procedure semplici che mettano in condizione i genitori di accedere con facilità alle misure attivate a loro favore”.
  • bonusmamma2 2017-05-17-PHOTO-00006034

    Costa: superate le 100mila richieste per #BonusMamma

     Bonus mamma, Costa: superate le 100mila richieste. In meno di due settimane, grazie a Inps per il suo lavoro

    In meno di due settimane sono state superate le 100.000 richieste per il bonus ‘Mamma Domani‘. I numeri parlano chiaro. Grazie all’Inps per il lavoro quotidiano su questa misura”. Lo annuncia il Ministro della Famiglia, Enrico Costa. Il contributo di 800 euro viene corrisposto, su domanda della mamma, per la nascita e l’adozione, avvenuta a partire dal 1 gennaio 2017, al compimento del settimo mese di gravidanza, o alla nascita, adozione o affido. “E’ interessante notare – osserva Costa – che sono state ben 43.783 le richieste presentate direttamente dai cittadini, 54.449 attraverso i patronati, 1.867 attraverso il call center. E’ il segnale che procedure semplici possono aiutare concretamente le famiglie ad accedere direttamente alle misure attivate a loro favore“.

  • imagestancredi

    #Manovra, Tancredi: Avanti con mini jobs e coupon #famiglia

    “Sull’ampliamento del lavoro intermittente a chiamata, l’introduzione dei mini jobs e sui ‘coupon’ famiglia all’interno della manovra, Alternativa popolare andrà avanti. Si tratta per noi di una battaglia politica che qualifica il nostro impegno parlamentare, il frutto della nostra proposta di legge depositata nelle scorse settimane. Dopo l’abolizione dei voucher, con i nostri emendamenti alla manovra vogliamo dare una risposta tanto attesa dai piccoli imprenditori e dalle famiglie”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi. “Allo stesso tempo chiediamo l’esclusione dello split payment per professionisti e lavoratori autonomi, al fine di evitare una mazzata a una categoria già in difficoltà, e l’estensione della proroga della rottamazione per le cartelle esattoriali fino al 31 luglio 2017. Questi sono alcuni dei principali emendamenti alla manovra che ci vedrà protagonisti”.

  • lupi bianconiC5wi8v5WgAEL048

    Lupi-Bianconi: Parla bene della #famiglia, psicologo deferito all’ordine. Censura inaccettabile

    “’La funzione di padre e di madre è essenziale e costitutiva nel percorso di crescita di un bambino’. Per aver pronunciato questa frase in televisione un affermato psicologo milanese il prossimo 25 maggio subirà un processo del suo ordine professionale, al quale è stato deferito da un esposto di sette colleghi. Ormai siamo alla discriminazione di ogni forma di pensiero che non collimi con la vulgata della cosiddetta cultura gender in cui non esistono più differenze sessuali, famiglia naturale, figura paterna e figura materna. Dopo aver gridato per anni alla discriminazione ora i fautori di queste teorie si ergono a censori di chi ancora osa non pensarla come loro e lanciano una nuova caccia alla streghe. Tutta la nostra solidarietà a Giancarlo Ricci, in nome della scienza, del buon senso, dell’esperienza di genitorialità che contraddistingue l’umanità da che esiste e della libertà di pensiero e di espressione. Preoccupati dalla deriva censoria assunta dal dibattito culturale e scientifico su questi argomenti abbiamo presentato un’interrogazione in merito ai ministri della Giustizia e della Salute”. Lo dichiarano in una dichiarazione congiunta i capigruppo di Alternativa popolare di Camera e Senato Maurizio Lupi e Laura Bianconi.

  • bonusMamma

    #Ap: da sgravi Irpef a contributi in part time. #BonusMamma

    Lupi: vogliamo quattro misure per aiutare famiglie e nascite

    Quattro proposte per rafforzare le politiche per il sostegno alla famiglia e alle nascite arrivano da Ap, “punti per noi ineludibili, da inserire nella legge di stabilità o in altri provvedimenti per proseguire l’azione già intrapresa dal governo”, ha scandito oggi il presidente dei deputati di Ap Maurizio Lupi, aprendo i lavori della conferenza stampa “Festa della mamma. Non bastano gli auguri”, alla Camera, con i ministri Enrico Costa e Beatrice Lorenzin e la presidente dei senatori di Ap Laura Bianconi. Le quattro misure sono: l’introduzione del fattore famiglia, ovvero esenzioni Irpef tenendo conto del numero dei figli (in tal senso, ha aggiunto il ministro Lorenzin, andra’ anche la riforma dei ticket a cui il ministero della Salute sta lavorando con le Regioni); incentivazione del part time per la mamma nei primi tre anni di vita del suo bambino, prevedendo che lo Stato riconosca i contributi figurativi, come se lavorasse a tempo pieno, per la donna che sceglie il part time. E ancora, possibilità di scegliere, oltre al congedo parentale di 6 mesi al 30% dello stipendio, come è oggi, anche un congedo di 3 mesi al 60% dello stipendio (e a costo ero per lo Stato). Infine, il riconoscimento di contributi figurativi per 6 mesi alle donne che, entro due anni dal parto, perdano il lavoro o decidano di lasciarlo. Il ministro Enrico Costa ha ricordato che il 22% delle donne che mette al mondo un figlio, perde o lascia il lavoro nel giro di due anni dal parto. “Dobbiamo iniziare a copiare le politiche per valorizzare la maternita’ che ci sono in Francia – ha detto Bianconi – dove sono state fatte politiche, negli ultimi 15 anni, che ora stanno dando i frutti”.