• garofaloIMG_1104-0

    Garofalo: Fondi per #IRCCS #BoninoPulejo dimostrano attenzione per #Messina

    “I 91 milioni di euro stanziati dal Ministero della sanità a favore dell’IRCCS Bonino Pulejo sono un segno più che concreto di attenzione a Messina da parte del ministro della salute Beatrice Lorenzin”. Così il deputato di Alternativa Popolare Vincenzo Garofalo.
    “Sono felice perché questi fondi rappresentano il riconoscimento di quanto bene sia stato fatto fino ad oggi. Quando il ministro ha deciso di sostenere la nostra richiesta di fusione tra il Piemonte e l’Istituto neurolesi – aggiunge – ha ritenuto che la nostra fosse una idea vincente. Oggi stanziando questi fondi fa di più, riconosce che la sua fiducia è stata ben riposta.
    Sono certo che queste risorse diventeranno un moltiplicatore di valore perché ben spese per fare eccellenza in sanità. Questa è una tappa fondamentale per la realizzazione di quel progetto che vuole Messina capitale mediterranea del polo delle neuroscienze. L’investimento, ne sono certo, avrà ripercussioni positive su tutto il territorio della nostra città“, conclude il parlamentare.
  • Enzo Garofalo

    #Infrastrutture, Garofalo: Dal #Cipe due gol per sviluppo #Paese, ora accelerare sui cantieri

    “Ieri il Cipe ha messo a segno due gol importantissimi nella partita di sviluppo infrastrutturale e dei trasporti del Paese, del Sud in particolare. L’approvazione del contratto di programma con Rfi e quello con Anas segnano infatti una svolta nella messa a punto e nel potenziamento di tutta la nostra rete infrastrutturale, su gomma e su ferro. Interventi tanto attesi che salutiamo con soddisfazione. Alternativa popolare infatti ha sempre ritenuto prioritario e strategico realizzare maggiori investimenti, ed è quello che sta facendo questo Governo, anche grazie al nostro contributo. Allo stesso tempo, però, serve una decisa semplificazione burocratica. Gli investimenti infatti, come segnalato dall’Ance in questi giorni, sono rallentati nonostante le risorse economiche messe in campo siano tante. Bisogna quindi raccogliere l’appello dell’Associazione dei costruttori, aprire i cantieri, accelerare e rimuovere tutti gli ostacoli che rallentano la spesa. Una spesa utile e imprescindibile se vogliamo davvero ammodernare il Paese, rilanciare il Sud e sostenere e consolidare la crescita e il lavoro”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Alternativa popolare.

  • garofaloIMG_1104-0

    #DlSud, Garofalo: Bene ok Governo a nostro odg su #Zes per ridurre gap #infrastrutturale

    “L’istituzione di Zone economiche speciali (Zes) nelle aree meridionali del Paese, contenuta nel dl Sud, è sicuramente una buona notizia. Ma è chiaro che, per essere davvero reale volano di sviluppo delle aree dove sono insediate, le Zes non possono rimanere cattedrali nel deserto. Per questo è di estrema importanza che il Governo abbia accolto un ordine del giorno di Alternativa popolare, a prima firma Lupi, con il quale l’Esecutivo si impegna a garantire la realizzazione di Zes che possano contare su un’adeguata rete di trasporti e caratterizzate dalla facilità di accesso alle reti infrastrutturali, strade, autostrade, ferrovie, porti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Ap.

    “In particolare – prosegue Garofalo – è stata accolta la nostra specifica proposta di tener conto di quanto previsto dai Patti per il Sud, siglati tra Governo-Regioni e Città Metropolitane nel 2016, e di quanto contenuto nel Def 2017 circa gli obiettivi di dotazione e di sviluppo infrastrutturale delle regioni meridionali. Tutti gli istituti di ricerca e gli operatori economici confermano infatti che il gap infrastrutturale è una delle zavorre che frenano la crescita del Mezzogiorno. Per cui – conclude Garofalo – anche le potenzialità delle zone caratterizzate dall’attribuzione di benefici fiscali e di semplificazione, che riescono a creare condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, sarebbero vanificate se fuori da un effettivo contesto infrastrutturale di sviluppo. Bene dunque l’odg, bene il via libera del Governo”.

  • motopedaggioIMG_6696

    Garofalo: Arriva pedaggio light per due ruote, battaglia #Ap

    Arriva il pedaggio light per le due ruote: i motociclisti pagheranno di meno sulle autostrade, come è giusto che sia. L’Aiscat ha accolto la richiesta del Mit di rivedere finalmente il sistema di pedaggio per moto e scooter prevedendo una tariffa ad hoc. Una notizia tanto attesa che apprendiamo con grande soddisfazione, un bel regalo in vista dell’estate, e per la quale Alternativa popolare in questi anni si è battuta con determinazione sia in Parlamento che al Governo. Ricordo, infatti, la risoluzione a mia prima firma presentata in commissione Trasporti alla Camera lo scorso anno, insieme al dibattito che nel frattempo era stato avviato. Un percorso che parte da lontano, per il quale l’allora ministro Maurizio Lupi si era mostrato particolarmente sensibile alle legittime richieste delle associazioni e della federazione dei motociclisti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Ap, che si è battuto per questo obiettivo anche come presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Amici delle due ruote’.

    “L’Italia è uno dei pochissimi Paesi in Europa dove il pedaggio per i motocicli, peraltro con tariffe molto alte, è equiparato a quello delle auto. Il risultato è che ad oggi qualunque moto paga, ad esempio, la stessa cifra di un SUV ben più grande in dimensioni e potenza. Dal primo agosto non sarà più così. La creazione di una tariffa dedicata alle due ruote, inferiore del 30 per cento rispetto a quella delle auto, favorirà così – prosegue Garofalo – la circolazione dei motocicli sulle autostrade, con vantaggi evidenti che si rifletteranno sia sull’industria nazionale, che rimane la più importante d’Europa, sia soprattutto sulla sicurezza per i motociclisti dal momento che le autostrade sono di gran lunga le strade più sicure per questa categoria di utenti. Il tutto mentre oggi l’Istat certifica che sono sempre troppe le vittime di incidenti che coinvolgono gli utenti a due ruote, tra i più vulnerabili. E proprio ieri, con un emendamento a mia prima firma, la commissione ha approvato la modifica al nuovo Codice della Strada che prevede l’inserimento dei centauri nella definizione di utente ‘vulnerabile’”.

  • bimbiseggiolinoimages

    #CodiceStrada, Garofalo: Obbligo allarme #salvabimbi è svolta, pagina di buona politica

    Oggi la Camera dei Deputati ha scritto una pagina di buona politica: dopo anni di battaglie arriva finalmente l’obbligo di dotare le auto di dispositivi di allarme anti-abbandono dei bambini. La commissione Trasporti ha approvato in grande sintonia tra le forze politiche un emendamento al nuovo Codice della strada che introduce questa norma e che potrebbe salvare la vita a tanti bambini. Un impegno che mi riguarda personalmente, una battaglia che da anni porto avanti con proposte parlamentari e che trova compimento con questa legge. La Camera, dunque, ha ben compreso questa necessità tanto attesa dall’opinione pubblica, adottando questa svolta. Ora bisogna andare avanti spediti per approvare il ddl alla Camera ma, soprattutto, affinché venga licenziato definitivamente quanto prima al Senato. Sarebbe un imperdonabile errore se questa legge dovesse arenarsi”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti alla Camera, Vincenzo Garofalo, di Alternativa popolare.
  • garofaloIMG_1104-0

    #Vaccini, Garofalo: Sentenza #Cassazione zittisce chi semina panico con #fakenews

    La sentenza della Corte di Cassazione che ha escluso il nesso di causalità tra vaccinazione e autismo, nel caso sottoposto all’esame della Corte d’Appello di Salerno, mette a tacere le voci di chi sta facendo campagna elettorale sulle spalle della salute dei bambini con campagne del terrore”. Così il deputato di Alternativa popolare Vincenzo Garofalo. “Come sottolineato dal ministro Lorenzin, questa non è una battaglia politica ma una battaglia che ha come obiettivo quello di salvaguardare le famiglie mettendo a tacere chi in questi mesi sta ingiustificatamente seminando panico con le fake news contro le vaccinazioni“.

  • bimbiseggiolinoimages

    #CodiceStrada, Garofalo: Finalmente accordo su obbligo allarme #salvabimbi dimenticati in auto

    “Dopo anni di battaglie parlamentari, di proposte di legge, finalmente arriva l’obbligo di dotare i seggiolini di un dispositivo di allarme salva-bimbi che sono stati dimenticati in auto. Nel corso del dibattito alla Camera sul ddl di modifica al Codice della strada è stata trovata, infatti, una convergenza anche con altre forze politiche per intervenire in questa direzione. Una norma che sicuramente andrà perfezionata durante i lavori in commissione e in Aula, ma che certamente rappresenta un punto di svolta per una legge tanto attesa e che potrebbe salvare tante piccole vite. E’ chiaro come, adesso, sia fondamentale che l’iter della legge non si impantani e che possa ottenere quanto prima il via libera definitivo”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Alternativa popolare.

     

  • Enzo Garofalo

    #Migranti, Garofalo: Bene incontro #Minniti-#Anci, Viminale sensibile a nostre sollecitazioni a sostegno #sindaci

    “I sindaci sono in grande affanno sul fronte dell’accoglienza dei migranti. Nel messinese circa quaranta primi cittadini attendono ancora risposte e domani avranno un confronto con il Prefetto. Per questo è molto positivo che il ministro Minniti abbia raccolto la nostra sollecitazione per rendere più concreta ed efficiente la condivisione tra i vari livelli istituzionali per fronteggiare questa emergenza. Il suo annuncio oggi in Aula, in risposta a una mia interrogazione, che domani incontrerà di nuovo i vertici Anci per fare il punto sul piano di accoglienza dei richiedenti asilo è estremamente importante”. E’ quanto ha dichiarato il deputato di Alternativa popolare Vincenzo Garofalo, intervenendo in Aula alla Camera durante il question time al ministro Minniti.

    “Bisogna evitare, infatti, che i sindaci si sentano abbandonati. Sindaci che danno voce alle crescenti preoccupazioni che emergono tra i cittadini e che rappresentano un valore al quale dobbiamo continuare a dare supporto. Qui nessuno mette in discussione l’accoglienza, la solidarietà, di cui gli italiani si sono dimostrati campioni. Ma occorre ora valutare – aggiunge Garofalo – se questo modello possa proseguire e, nel caso, in che modo prevedere un’azione diversa. L’auspicio è che da questi incontri possa emergere davvero qualcosa di costruttivo”.

  • Migranti-a-Lampedusa-foto-archivio-300x225

    #Migranti, Garofalo: #Minniti intervenga a garanzia corretto confronto con #sindaci

    “Il continuo e sempre più massiccio afflusso dei migranti nel nostro territorio sta mettendo a dura prova il nostro sistema di accoglienza, in particolare il lavoro dei sindaci e soprattutto di quelli del Mezzogiorno. La situazione è grave nei Comuni più piccoli che, nonostante l’indiscussa generosità, a volte devono accogliere un numero di immigrati largamente superiore rispetto al previsto. Una problematica che sta generando serie difficoltà gestionali e logistiche con la conseguenza di creare, come avvenuto ad esempio a Castell’Umberto in Sicilia, attriti e contrasti tra i vari livelli istituzionali. Si rende per questo necessario intervenire con misure idonee a scongiurare che l’accoglienza dei migranti avvenga attraverso una gestione confusa, inadeguata e, magari, calata ‘dall’alto’. Così come è indispensabile, in questo quadro, favorire un coordinamento costante con le autorità centrali. Per questo domani durante il question time alla Camera, chiederemo al ministro Minniti quali iniziative il governo intenda adottare al fine di coinvolgere in un confronto corretto e positivo i sindaci dei comuni che si trovano a fronteggiare un fenomeno così complesso e destabilizzante come quello di un’immigrazione che, quotidianamente, diviene sempre più allarmante”. E’ quanto dichiara il deputato di Alternativa popolare Vincenzo Garofalo.

  • garofaloIMG_1104-0

    #Migranti, Garofalo: Protesta sindaci #messinesi comprensibile, #Italia non sia lasciata sola

    La protesta dei sindaci messinesi è comprensibile. Qui nessuno vuole mettere in discussione la necessità di soccorrere e salvare la vita a chi fugge da guerre o dai rischi che corre nel proprio Paese. Come nessuno mette in discussione la necessità dell’accoglienza. Quanto fatto dal governo italiano, da solo, in questi ultimi anni lo dimostra, un lavoro encomiabile. Ma se questo deve essere il pretesto per caricare i problemi epocali umanitari di una porzione rilevante dell’Africa sui soli italiani allora è giusto esprimere tutta la nostra contrarietà. Una situazione che sta generando serie difficoltà gestionali e logistici, con la conseguenza, come avvenuto a Castell’Umberto, di creare ad esempio attriti tra i vari livelli istituzionali. I sindaci hanno infatti l’obbligo di ascoltare la propria gente e preservare la pace sociale del proprio territorio. Se l’Ue ma soprattutto gli Stati membri non decidono di sostenere davvero il nostro Paese, l‘Italia rischia di essere il big bang del sogno della comunità europea“. È quanto dichiara il deputato Vincenzo Garofalo di Alternativa popolare.