• garofaloIMG_1104-0

    GAROFALO: INTERVENTO URGENTE SU RILASCIO AUTORIZZAZIONI #TRASPORTOECCEZIONALE. #DELRIO AGISCA

    Direttiva Governo non risolve. Serve procedura più rapida e coordinamento tra enti di riferimento

    Dopo i gravi incidenti avvenuti sui tratti stradali dove persistono ponti o cavalcavia si è proceduto ad una maggiore cautela nel rilascio delle autorizzazioni al transito dei veicoli eccezionali. Se da una parte è stato giusto porre maggiore attenzione nelle autorizzazioni, dall’altra si è determinata di fatto una paralisi del settore per un comparto nel quale operano settemila addetti, con un parco di sei settemila mezzi ed un fatturato di 3 miliardi di euro”. È quanto dichiara il deputato di Alternativa popolare, Vincenzo Garofalo, vicepresidente della commissione Trasporti.

    “I tempi di rilascio delle autorizzazioni si sono sensibilmente allungati ed esistono casi di diniego di nulla-osta al transito prive di sufficienti ed esaustive spiegazioni tecniche. Inoltre, lo scadere delle autorizzazioni periodiche sta generando confusione tra i gestori costretti ad inventarsi nuove regole, rimpallo di responsabilità tra i circa 150 enti di riferimento e oneri aggiuntivi a carico degli utenti. Il governo ha emanato giustamente una direttiva ma la sua applicazione sta rischiando di mettere in crisi l’intero settore. Se, infatti, da una parte gli operatori riconoscono la bontà dell’azione del governo dall’altra segnalano una situazione d’empasse con ritardi pesanti e scadenze fuori tempo massimo”

    Quello che chiediamo al Governo, dunque, è di convocare al più presto un tavolo operativo con tutti gli enti interessati alla materia in modo da pervenire ad una procedura chiara e rapida per il rilascio delle autorizzazioni a transito dei veicoli eccezionali nei tratti stradali con ponti e cavalcavia. Il rischio è la paralisi delle attività economiche ed imprenditoriali che si avvalgono di questo tipo di trasporto e che rischiano pesanti ricadute anche in termini di penali, per il mancato rispetto dei tempi previsti dai contratti”

  • Enzo Garofalo

    #Trasporti, Garofalo: Potenziati i collegamenti veloci nello #Stretto, garanzia continuità territoriale

    Accogliamo con soddisfazione l’annuncio dell’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Maurizio Gentile, sull’aumento fino a 23 coppie al giorno del numero dei collegamenti veloci tra le due sponde dello Stretto“. Così il vicepresidente della Commissione trasporti della Camera dei deputati, Vincenzo Garofalo, di Alternativa popolare.

    “Grazie al potenziamento sarà finalmente predisposto un collegamento diretto con Messina anche a favore di quei passeggeri che arrivano da Roma con il Frecciargento della sera e dei cui disagi avevo invitato più volte a tenere conto. Se questi maggiori investimenti sono possibili è perché, come evidenziato da Gentile, il traghettamento dei passeggeri nello Stretto è stato considerato come uno strumento indefettibile per garantire quella continuità territoriale di cui lo Stato ha il dovere di farsi carico. Perché questo avvenisse mi sono battuto, individualmente e come esponente di Alternativa Popolare, cercando di scongiurare di anno in anno la gestione ‘emergenziale’ del problema. L’annuncio di oggi – conclude Garofalo – mi dà soddisfazione e mi conforta ulteriormente rispetto alla politica di investimenti al sud intrapresa da FS”.

  • garofaloIMG_1104-0

    #Professionisti, Garofalo: Inconcepibile che per la P.A. debbano lavorare gratis

    Accolgo l’appello #se valgo1euro lanciato oggi dalle associazioni dei liberi professionisti contro una sentenza del Consiglio di Stato che legittima gli Enti pubblici a chiedere loro consulenze gratuite. Il caso è stato innescato dal Comune di Catanzaro che ha fatto un bando per il Piano strutturale del Comune e il relativo regolamento urbanistico prevedendo il compenso simbolico di 1 euro più un rimborso spese sino a 250.000 euro. Il bando era stato dapprima invalidato dal Tar, ora la sentenza del Consiglio di Stato lo giudica invece legittimo. Capisco l’amarezza di ingegneri, architetti, chimici, periti, assistenti sociali… veder valutare zero il proprio lavoro non è dignitoso, anzi direi che è offensivo e forse anche anticostituzionale , se è vero che ‘il lavoratore ha diritto a una retribuzione proporzionata alla quantità e alla qualità del suo lavoro’ (art. 36). Se prendiamo poi proprio il caso da cui è scaturita la sentenza, vediamo che la consulenza era stata in un primo tempo quantificata in 800.000 euro. Da questa cifra a 1 euro lo scarto è macroscopico, e sospetto. Chiunque cercasse di vendermi una casa prima a 800.000 euro e poi me la offrisse a uno desterebbe sacrosanti dubbi sul valore e sullo stato dell’immobile. La motivazione del Consiglio di Stato usa il concetto di ‘economia immateriale’ e non solo finanziaria, e fa l’esempio dello sponsor. Ma, detto con rispetto, mi sembra che l’esempio nulla c’entri. Sponsorizzare un evento vuol dire riceverne in cambio un ritorno di immagine a spese del committente. Il Comune di Catanzaro affiggerà dei manifesti di ringraziamento al consulente che gli farà gratis il Piano strutturale? E a cosa gli serviranno? A presentarsi a un altro Comune, il quale, forte del precedente, gli dirà: fallo gratis anche per noi? La conseguenza, sicuramente non voluta, di questa sentenza è che per la Pubblica amministrazione si debba lavorare gratis, ma allora perché solo i consulenti e non anche i dipendenti , non si potrebbe retribuire immaterialmente anche loro? Credo ci sia una sola via di uscita alla situazione creatasi, accelerare l’iter di approvazione della legge sull’equo compenso per le prestazioni professionali ora all’esame della commissione Lavoro del Senato. Io personalmente e il mio partito ci assumiamo questo impegno e questa responsabilità”. Lo dichiara Enzo Garofalo, deputato di Alternativa popolare, vicepresidente della commissione Trasporti della Camera.

  • Alli Nato50d4196d-bf8b-48cf-9356-a014e13aa8af_large

    #NATO, GAROFALO: BUON LAVORO AD #ALLI PER RICONFERMA, FRUTTO SUO GRANDE LAVORO

    “La riconferma del collega Alli alla presidenza dell’Assemblea Parlamentare della Nato è un’ottima notizia, frutto del grande lavoro da lui svolto fino ad ora. A Paolo vanno i miei più sinceri auguri di buon lavoro, certo che saprà mettere a frutto nel migliore dei modi la sua esperienza in campo internazionale e le sue grandi doti di mediazione”. Lo dichiara Vncenzo Garofalo, deputato di Alternativa popolare
  • Lupi AlfanoImage-1

    #Ap, Marotta-Garofalo-Bosco: Ok #Alfano su valori #Ppe, #Lupi farà bene

    Da Angelino Alfano ancora una volta parole chiare e condivisibili nel corso della Direzione nazionale di Alternativa popolare. Un’ottima relazione attraverso la quale il nostro presidente ha rimarcato i punti di riferimento del partito, ancorati chiaramente ai valori del Ppe. Così come ci ritroviamo pienamente nell’impegno a costruire in Italia un riferimento preciso del Partito popolare europeo, di cui noi siamo parte rilevante. In questo percorso si inserisce la nomina di Maurizio Lupi quale nuovo coordinatore nazionale di Ap, a cui rivolgiamo sinceri auguri di buon lavoro per il ruolo di grande responsabilità di cui è stato investito. Sappiamo bene che Lupi possiede le qualità, le capacità e l’autorevolezza per svolgere bene anche questo incarico all’interno del partito e raggiungere gli obiettivi che ci siamo fissati”. E’ quanto dichiarano i deputati di Ap Nino Bosco, Vincenzo Garofalo e Nino Marotta.

  • garofaloIMG_1104-0

    Garofalo: Fondi per #IRCCS #BoninoPulejo dimostrano attenzione per #Messina

    “I 91 milioni di euro stanziati dal Ministero della sanità a favore dell’IRCCS Bonino Pulejo sono un segno più che concreto di attenzione a Messina da parte del ministro della salute Beatrice Lorenzin”. Così il deputato di Alternativa Popolare Vincenzo Garofalo.
    “Sono felice perché questi fondi rappresentano il riconoscimento di quanto bene sia stato fatto fino ad oggi. Quando il ministro ha deciso di sostenere la nostra richiesta di fusione tra il Piemonte e l’Istituto neurolesi – aggiunge – ha ritenuto che la nostra fosse una idea vincente. Oggi stanziando questi fondi fa di più, riconosce che la sua fiducia è stata ben riposta.
    Sono certo che queste risorse diventeranno un moltiplicatore di valore perché ben spese per fare eccellenza in sanità. Questa è una tappa fondamentale per la realizzazione di quel progetto che vuole Messina capitale mediterranea del polo delle neuroscienze. L’investimento, ne sono certo, avrà ripercussioni positive su tutto il territorio della nostra città“, conclude il parlamentare.
  • Enzo Garofalo

    #Infrastrutture, Garofalo: Dal #Cipe due gol per sviluppo #Paese, ora accelerare sui cantieri

    “Ieri il Cipe ha messo a segno due gol importantissimi nella partita di sviluppo infrastrutturale e dei trasporti del Paese, del Sud in particolare. L’approvazione del contratto di programma con Rfi e quello con Anas segnano infatti una svolta nella messa a punto e nel potenziamento di tutta la nostra rete infrastrutturale, su gomma e su ferro. Interventi tanto attesi che salutiamo con soddisfazione. Alternativa popolare infatti ha sempre ritenuto prioritario e strategico realizzare maggiori investimenti, ed è quello che sta facendo questo Governo, anche grazie al nostro contributo. Allo stesso tempo, però, serve una decisa semplificazione burocratica. Gli investimenti infatti, come segnalato dall’Ance in questi giorni, sono rallentati nonostante le risorse economiche messe in campo siano tante. Bisogna quindi raccogliere l’appello dell’Associazione dei costruttori, aprire i cantieri, accelerare e rimuovere tutti gli ostacoli che rallentano la spesa. Una spesa utile e imprescindibile se vogliamo davvero ammodernare il Paese, rilanciare il Sud e sostenere e consolidare la crescita e il lavoro”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Alternativa popolare.

  • garofaloIMG_1104-0

    #DlSud, Garofalo: Bene ok Governo a nostro odg su #Zes per ridurre gap #infrastrutturale

    “L’istituzione di Zone economiche speciali (Zes) nelle aree meridionali del Paese, contenuta nel dl Sud, è sicuramente una buona notizia. Ma è chiaro che, per essere davvero reale volano di sviluppo delle aree dove sono insediate, le Zes non possono rimanere cattedrali nel deserto. Per questo è di estrema importanza che il Governo abbia accolto un ordine del giorno di Alternativa popolare, a prima firma Lupi, con il quale l’Esecutivo si impegna a garantire la realizzazione di Zes che possano contare su un’adeguata rete di trasporti e caratterizzate dalla facilità di accesso alle reti infrastrutturali, strade, autostrade, ferrovie, porti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Ap.

    “In particolare – prosegue Garofalo – è stata accolta la nostra specifica proposta di tener conto di quanto previsto dai Patti per il Sud, siglati tra Governo-Regioni e Città Metropolitane nel 2016, e di quanto contenuto nel Def 2017 circa gli obiettivi di dotazione e di sviluppo infrastrutturale delle regioni meridionali. Tutti gli istituti di ricerca e gli operatori economici confermano infatti che il gap infrastrutturale è una delle zavorre che frenano la crescita del Mezzogiorno. Per cui – conclude Garofalo – anche le potenzialità delle zone caratterizzate dall’attribuzione di benefici fiscali e di semplificazione, che riescono a creare condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, sarebbero vanificate se fuori da un effettivo contesto infrastrutturale di sviluppo. Bene dunque l’odg, bene il via libera del Governo”.

  • motopedaggioIMG_6696

    Garofalo: Arriva pedaggio light per due ruote, battaglia #Ap

    Arriva il pedaggio light per le due ruote: i motociclisti pagheranno di meno sulle autostrade, come è giusto che sia. L’Aiscat ha accolto la richiesta del Mit di rivedere finalmente il sistema di pedaggio per moto e scooter prevedendo una tariffa ad hoc. Una notizia tanto attesa che apprendiamo con grande soddisfazione, un bel regalo in vista dell’estate, e per la quale Alternativa popolare in questi anni si è battuta con determinazione sia in Parlamento che al Governo. Ricordo, infatti, la risoluzione a mia prima firma presentata in commissione Trasporti alla Camera lo scorso anno, insieme al dibattito che nel frattempo era stato avviato. Un percorso che parte da lontano, per il quale l’allora ministro Maurizio Lupi si era mostrato particolarmente sensibile alle legittime richieste delle associazioni e della federazione dei motociclisti”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera, Vincenzo Garofalo, di Ap, che si è battuto per questo obiettivo anche come presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Amici delle due ruote’.

    “L’Italia è uno dei pochissimi Paesi in Europa dove il pedaggio per i motocicli, peraltro con tariffe molto alte, è equiparato a quello delle auto. Il risultato è che ad oggi qualunque moto paga, ad esempio, la stessa cifra di un SUV ben più grande in dimensioni e potenza. Dal primo agosto non sarà più così. La creazione di una tariffa dedicata alle due ruote, inferiore del 30 per cento rispetto a quella delle auto, favorirà così – prosegue Garofalo – la circolazione dei motocicli sulle autostrade, con vantaggi evidenti che si rifletteranno sia sull’industria nazionale, che rimane la più importante d’Europa, sia soprattutto sulla sicurezza per i motociclisti dal momento che le autostrade sono di gran lunga le strade più sicure per questa categoria di utenti. Il tutto mentre oggi l’Istat certifica che sono sempre troppe le vittime di incidenti che coinvolgono gli utenti a due ruote, tra i più vulnerabili. E proprio ieri, con un emendamento a mia prima firma, la commissione ha approvato la modifica al nuovo Codice della Strada che prevede l’inserimento dei centauri nella definizione di utente ‘vulnerabile’”.

  • bimbiseggiolinoimages

    #CodiceStrada, Garofalo: Obbligo allarme #salvabimbi è svolta, pagina di buona politica

    Oggi la Camera dei Deputati ha scritto una pagina di buona politica: dopo anni di battaglie arriva finalmente l’obbligo di dotare le auto di dispositivi di allarme anti-abbandono dei bambini. La commissione Trasporti ha approvato in grande sintonia tra le forze politiche un emendamento al nuovo Codice della strada che introduce questa norma e che potrebbe salvare la vita a tanti bambini. Un impegno che mi riguarda personalmente, una battaglia che da anni porto avanti con proposte parlamentari e che trova compimento con questa legge. La Camera, dunque, ha ben compreso questa necessità tanto attesa dall’opinione pubblica, adottando questa svolta. Ora bisogna andare avanti spediti per approvare il ddl alla Camera ma, soprattutto, affinché venga licenziato definitivamente quanto prima al Senato. Sarebbe un imperdonabile errore se questa legge dovesse arenarsi”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della commissione Trasporti alla Camera, Vincenzo Garofalo, di Alternativa popolare.