• img_5703-3.jpg

    Lupi: #PD d’accordo su #leggestabilità? Bene per #famiglie e tasse

    Prendiamo atto con piacere della virata del Pd che si dice disponibile ad approvare la legge di stabilità per poi votare nel 2018. Allora la maggioranza la faccia insieme. Noi vogliamo una legge di stabilità in cui la famiglia sia al centro e che preveda l’abbassamento delle tasse. Per quanto riguarda la legge elettorale ribadiamo che il nostro obiettivo è migliorarla nel suo percorso parlamentare attraverso l’introduzione di un premio di governabilità da attribuire al primo partito e ponendo fine alla stortura per cui ogni futuro parlamentare sarà scelto solo dalle segreterie di partito, perciò ci vogliono le preferenze”. Così Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, nel corso di Uno Mattina su Rai1.
     
  • whatsapp-image-2016-10-18-at-15-34-44

    Una legge di stabilità targata Area Popolare

    Meno tasse, più incentivi per famiglie, imprese e casa – I tre pilastri della Stabilità

    “Non potevamo chiedere di meglio e di più da questa manovra che è positiva perché non ha un colore politico. E’ una legge molto trasversale. E’ a favore del ceto medio, è interclassista. Una legge che porta il nostro imprinting e che potrebbe e dovrebbe essere votata dal centro destra e dall’area moderata”. Con queste parole, il ministro dell’Interno Angelino Alfano, presidente di Area Popolare, ha aperto la conferenza stampa di presentazione dei risultati ottenuti nella legge di stabilità 2017.

    “Una manovra – ha detto Alfano – che non contiene misure di austerità, ne’ settori precisi di intervento perché dà sostegno a imprese, famiglie, casa, salari.  E’ una legge alla quale abbiamo lavorato parecchio, fin dai primi dell’estate ed il nostro lavoro è stato premiato. Senza di noi – ha sottolineato il ministro dell’interno – sarebbe stata più sbilanciata a sinistra, con un Premier, strattonato dalla minoranza del suo partito”.

    Incentivi e sostegno per il comparto sicurezza

    Finanziato il tanto atteso riordino delle carriere delle Forze dll’Ordine e dei Vigili del Fuoco e resi strutturali gli 80 euro, che non saranno più un bonus.  Alfano ha calcolato in 183 euro mensili netti per 13 mensilità il beneficio che nel complesso arriverà nelle buste paga delle forze dell’ordine.

    “Una legge di stabilità che realizza l’80% dei punti del programma del Pdl del 2013”, ha evidenziato il capogruppo di Area Popolare, Maurizio Lupi che dando ragione al ministro Alfano ha chiesto a Forza Italia di votarla. “A chi nel centrodestra protesta perché dice che è una manovra ‘in deficit’, se è solo questa l’obiezione, suggerirei di andare a vedere cosa si diceva negli anni scorsi quando si gridava a gran voce che l’Europa facesse deficit per favorire lo sviluppo…”, ha aggiunto.

    Nessun taglio alla sanità: Il Governo per la salute dei cittadini

    Il fondo sanitario passa da 105,6 miliardi ai 113 miliardi di euro. Una manovra con “una doppia anima”, ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, “una indirizzata al ceto medio, all’impresa e agli investimenti e un’altra a quella sociale. Viene stabilizzato il fondo per il finanziamento dei farmaci innovativi a 500 milioni di euro: con questo fondo- ha aggiunto il ministro- sono stati curati negli ultimi anni i pazienti affetti da Epatite C. C’è poi la istituzione di un fondo specifico per i farmaci innovativi oncologici da 500 milioni e c’è poi il fondo per il finanziamento del piano nazionale vaccini, 99 milioni per il 2017, 127 milioni per il 2018, 186 milioni dal 2019”.

    Misure innovative e stabili anche per le famiglieUn piano formato famiglia

    “Le famiglie potranno ora contare su risorse certe per oggi e per gli anni a venire. È questo, –  ha spiegato il ministro per le Politiche per la famiglia Enrico Costa, nel corso del suo intervento, -lo spirito del ‘Piano Formato Famiglia’, che prende il via con questa Legge di bilancio, che per la prima volta comprende un apposito capitolo dedicato alla famiglia. Le risorse  stanziate – ha sottolineato – ammontano a 600 milioni di euro per il 2017 e 700 milioni di euro per gli anni successivi. Si tratta quindi di interventi strutturali: il primo passo importante di un percorso pluriennale di sostegno ai nuclei familiari e alla natalità, il segnale di un Governo che vuole essere vicino alle famiglie”.

    Nella Legge di Bilancio 2017 è prevista anche una misura complementare al bonus bebè che si chiama ‘Mamma domani’ e prevede “un assegno di 800 euro per tutti i nuovi nati dal primo gennaio 2017, serve per le prime spese e si richiede già durante la gravidanza.

    Spinta a economia circolare: Sviluppo ambientale

    Nella manovra c’è poi una grande spinta verso l’economia circolare e la visione di un ambiente sempre più multidisciplinare, che come ha precisato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti “funziona se diventa veicolo e non vincolo di sviluppo, se collabora con gli altri ministeri. Il nostro provvedimento ambientale – ha sottolineato il ministro – è proprio Industria 4.0: li’ ci sono azioni importantissime sulla strada dell’economia circolare. Penso alle tecnologie ambientali per il riuso e il riciclo dei prodotti, ai sistemi per il risparmio energetico, agli impianti di raccolta e smaltimento. Tutti gli investimenti oggi godranno dell’ammortamento al 250%, così come sono previste altre fortissime agevolazioni, dal credito d’imposta per la ricerca interna al 50% alla detrazione al 30% per gli investimenti sulle Pmi innovative”. “Questo – ha detto il ministro – è un nuovo modo di fare sviluppo, in cui l’ambiente diventa un vero motore di crescita”. Galletti ha anche affrontato il tema del dissesto idrogeologico: “La Stabilità integra le risorse esistenti, che gia’ oggi ci consentono di intervenire sulla messa in sicurezza del territorio, come sulle bonifiche e sulle depurazioni. Parliamo di interventi che costano e che richiedono tempo. Noi mettiamo le risorse ma non si pensi che a quel punto il problema è risolto. Parliamo di lavori – ha concluso il ministro – che termineranno oltre la legislatura: altri incasseranno i risultati ed è forse questo il motivo per cui nessuno li aveva mai fatti a differenza nostra”. Galletti ha infine ricordato anche l’ecobonus al 65% esteso a condomini e alberghi e i fondi per la mobilità sostenibile.

  • tancredi

    Tancredi: Ue riconosca sforzi e risultati, crescita è strada giusta

    “L’Italia oggi ha il deficit più basso degli ultimi anni, è forse tra i pochi Paesi europei che rispetta le regole e, di contro, sta affrontando gli sforzi maggiori per fronteggiare l’epocale esodo di profughi e migranti. In questo scenario il  nostro Governo ha deciso con coraggio e saggezza di costruire una manovra centrata sulla crescita e l’ottimismo. Questo dovrebbe essere ben compreso tanto dai soliti critici interni quanto dagli osservatori in Europa”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi.

    “Vogliamo invertire il trend e in questo condividiamo le parole del presidente Obama sul fatto che l’austerità blocca la crescita europea. Ci aspettiamo moniti e polemiche, come di consueto, ma siamo convinti – conclude Tancredi – che la strada intrapresa sia quella giusta e non potrà non essere pienamente riconosciuta da Bruxelles”.

    Roma, 18 ottobre 2016

  • img_6958.jpg

    Oggi ore 15 conferenza Stampa Alfano su contributo Ap alla #leggestabilità

    Oggi, martedì 18 ottobre, alle ore 15 nella sede nazionale del Nuovo Centrodestra (via del Governo Vecchio n. 3), Conferenza stampa per presentare i risultati ottenuti da Area popolare all’interno della Legge di Stabilità 2017.

    Saranno presenti: Angelino Alfano, Beatrice Lorenzin, Enrico Costa, Gian Luca Galletti, Luigi Casero, Laura Bianconi e Maurizio Lupi.

  • tancredi

    TANCREDI: BENE NANNICINI, I PROPOSITI SI TRASFORMINO IN NORME #LEGGESTABILITA

    “Molto bene il Sottosegretario Nannicini sugli interventi previsti nella Legge di Stabilità 2017. Per noi di Area popolare, le misure relative al salario flessibile ed alla contrattazione decentrata legata alla produttività -che eravamo riusciti ad inserire nelle precedenti leggi di Stabilità nonostante fossero un tabù per una parte interna del Pd- erano comunque insufficienti. Pertanto ci fa piacere che oggi un interlocutore così autorevole come Nannicini si avvicini alle nostre posizioni anticipando questi temi, per noi così importanti , come quelli relativi all’aumento degli sgravi fiscali ed al salario di produttività e che dovranno essere un punto forte della prossima Legge di Bilancio. L’impegno di Area popolare sarà massimo affinché nella nota di aggiornamento al Def e nella prossima Legge di Stabilità, i propositi annunciati dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, si trasformino in norme”. Lo dichiara in una nota il capogruppo di Area popolare in Commissione Bilancio, Paolo Tancredi.
  • tancredi

    Tancredi: Italia da Champions League #LeggediStabilità

    “L’Italia si conferma tra i Paesi più virtuosi dell’area euro. Stiamo risalendo posizioni e continuando di questo passo possiamo ambire a entrare di diritto nella ‘Champions League’ dell’Ue”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi. “Il riconoscimento dell’Istat e della Commissione europea, la fiducia del presidente Mattarella, di Confindustria sono per noi un ulteriore sprone a continuare con questa determinazione anche nella Legge di stabilità. Stiamo risanando le finanze – prosegue Tancredi -, riducendo le tasse e adesso il nostro investimento è sulla crescita. Stiamo riacquistando credibilità internazionale e competitività. Un risultato reso possibile dai sacrifici compiuti in questi anni con le politiche di austerity, che ci consentono di avere un rapporto deficit/Pil al 2,6 per cento, ben al di sotto del limite del 3%. Basti pensare che la Francia chiuderà l’anno al 3,8%. Significativa, anche se ancora timida, l’inversione di rotta sul debito. Adesso, quindi, avanti con le misure a favore delle imprese e delle famiglie. Nel dibattito in Parlamento – conclude il deputato di Ap – saremo ancora più incisivi nel portare avanti le nostre proposte e, soprattutto, nel fare da argine al tipico conservatorismo della sinistra. E’ chiaro ad esempio che sul taglio della tassa sulla prima casa e sul tetto del contante non arretreremo di un millimetro”. Roma, 5 novembre 2015

  • Paolo Tancredi

    TANCREDI: MANOVRA PER CRESCITA CHE AIUTERÀ RIPRESA

    Roma, 4 novembre 2015. “La Legge di Stabilità di quest’anno è una manovra che favorirà la crescita e ci darà gli strumenti per continuare la strada della ripresa. Oggi la possibilità di impiegare risorse in investimenti strategici è il risultato di politiche di revisione della spesa che dal 2009 a oggi abbiamo messo in campo. In 7 anni di politiche di austerity abbiamo contratto la spesa più di altri Paesi della Ue, come del resto attesta la relazione di Bankitalia”. A dirlo è Paolo Tancredi, Capogruppo Area Popolare (Ncd-Udc) in Commissione Bilancio alla Camera.

    “Questa Legge di Stabilità, infatti, – continua – ci porta al 2,2% del rapporto deficit/pil, un dato che è ben al di sotto del limite del 3% e che ci attesta, comunque, tra i Paesi più virtuosi dell’area euro. Abbiamo tagliato il deficit e ridotto il debito. Infatti, nel 2014 il rapporto deficit/pil era al 3%, nel 2015 chiude al 2,6% e nel 2016 scendera’ al 2,2%. Nel 2016, dopo quasi 10 anni, si riduce anche il rapporto debito/Pil”. E conclude: “insomma abbiamo risanato le finanze, ridotto la spesa improduttiva e ridotto le tasse. Inoltre tagliamo l’Imu sulla prima casa e imu e irap agricola, aumentiamo l’uso del tetto del contante, introduciamo agevolazioni fiscali per le imprese, partite iva e famiglie, incentiviamo la contrattazione di secondo livello e i salati di produttività. Stiamo realizzando il programma del centrodestra con cui siamo stati eletti nel 2013”.

  • FullSizeRender[3]

    OGGI CONFERENZA STAMPA CON ALFANO, SCHIFANI E LUPI SU LEGGE STABILITA’

    Oggi, mercoledì 14 ottobre, alle ore 17, presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, Angelino Alfano, con i capigruppo di AP al Senato e alla Camera, Renato Schifani e Maurizio Lupi, i vicari Luigi Marino e Rocco Buttiglione, terrà una conferenza stampa sul contributo di Area Popolare alla Legge di Stabilità.

  • IMG_0869.JPG

    Ncd: “Accordo con Governo per no aumento accise 2015”

    Nell`ambito della Legge di Stabilità lavoreremo affinché al Senato si scongiuri, in ogni modo, un aumento delle accise sui carburanti nel 2015. Anche il Governo ha assicurato il proprio impegno per il raggiungimento di tale obiettivo. Un eventuale aumento, infatti, costituisce una abusata fonte di prelievo che comporta un freno allo sviluppo dei consumi. Il governo, infatti, si è impegnato a veicolare, nella seconda lettura al Senato del testo della Legge di Stabilità la nostra proposta che prevede, di fatto, una sterilizzazione della clausola di salvaguardia. Bisogna superare le perplessità opposte dalla Ragioneria Generale dello Stato. Il nostro obiettivo è non gravare eccessivamente sulle spalle dei cittadini ma, piuttosto, drenare risorse dal taglio della spesa improduttiva.

  • natalità

    Bianchi: “Da Ncd convinto sostegno a natalità”

    I dati Istat sul crollo delle nascite confermano che il nostro Paese ha un drammatico bisogno di politiche a sostegno della natalita’. Per questo siamo sempre piu’ convinti e ostinati a portare avanti il percorso intrapreso dal Ncd al governo, ponendo finalmente la famiglia al centro dell’agenda dell’Esecutivo. La nostra risposta e’ all’interno della legge di stabilita’. Per la prima volta, e’ stato introdotto un fondo dedicato interamente alla famiglia, a sostegno della natalita’ e della maternita’, che abbiamo fortemente voluto. Mezzo miliardo per il bonus bebe’, mille euro annui per le famiglie numerose per l’acquisto di pannolini, libri di scuola, 100 milioni per il rilancio degli asili. Sono alcune misure targate Ncd attraverso le quali veniamo incontro alle mamme e ai papa’ in difficolta’ o di una coppia di giovani che vuole creare una famiglia. Siamo inoltre al lavoro per una concreta applicazione del fattore famiglia sul piano fiscale e per rendere sempre piu’ compatibile il lavoro e la maternita’. In gioco c’e’ il futuro della nostra societa’ e, come ha ribadito il nostro leader Alfano, lo sviluppo della nostra stessa politica economica.