• lupi 5 stelle22406325_10155956313368694_2302453428353674957_n

    #leggeelettorale, Lupi: I #5stelle hanno l’eversione facile

    Ai colleghi del Movimento 5 Stelle che parlano di eversione suggerisco di andarci piano con le parole: le parole pesano, e armano le mani. Ciò che avviene in un’Aula parlamentare, nel rispetto della legge, del regolamento e votato dalla maggioranza non può assolutamente essere definito eversivo. Si chiama esercizio della democrazia, con la quale forse hanno ancora poca dimestichezza. Noi non abbiamo definito eversivi i loro tentativi di occupare l’Aula di Montecitorio. Non abbiamo considerato eversivi, sebbene offensivi per l’istituzione, i bivacchi sui tetti della Camera, né l’assalto fisico ai banchi del governo o il tentativo di irruzione nella sala della presidenza che ha mandato in infermeria quattro commessi. Preoccupante, ma non eversivo, neanche l’ultimatum ai sindacati: o cambiano o ci pensiamo noi! Il precedente è illustre, Benito Mussolini. Ricordiamo anche l’invito ad Al Qaida di bombardare il Parlamento, con offerta delle coordinate per poter centrare il bersaglio. Forse l’appello ai capi delle Forze armate a non difendere più le istituzioni, quello sì, forse, era un po’ al limite, un po’ – ma anche allora ci trattenemmo dal dirlo – eversivo. Come può essere eversiva allora la legittima richiesta di un voto di fiducia che chiede che la Camera si esprima, anche con voto segreto, pro o contro un testo di legge? Perché questo non dicono: la fiducia riguarda il fatto che venga sottoposto a ogni deputato un testo definito da un lavoro in Commissione frutto della mediazione fra partiti di maggioranza e di opposizione. Nel voto finale, che potrà essere – ripeto – a scrutinio segreto, la Camera potrà dire sì o no. Ma ai grillini l’accusa di eversione scappa spesso e volentieri; per Grillo sono ‘eversori del fronte anti popolare’ anche quelli che non capiscono che il web può salvare la democrazia. Quindi tutti gli italiani meno i 31.000 che hanno votato Di Maio alle primarie”. Lo dichiara Maurizio Lupi, coordinatore nazionale di Alternativa popolare.

  • img_5703-4.jpg

    #leggeelettorale, Lupi: Chi grida al golpe non sa quello che dice

    La fiducia sulla legge elettorale è un atto politicamente serio, ma giunti a questo punto è un atto di responsabilità. A sei mesi dalle elezioni il Parlamento non poteva ancora una volta non decidere e non dare agli italiani una legge elettorale omogenea tra Camera e Senato, così come insistentemente richiesto dal Capo dello Stato. Alla Camera la fiducia è sulla richiesta di sottoporre all’Aula un testo, quello faticosamente uscito da un lavoro che ha coinvolto partiti di maggioranza e partiti di opposizione, e non coincide con l’approvazione di quel testo. Ci sarà poi una seconda votazione sul merito e tutti i deputati potranno promuoverlo o bocciarlo, e forse, se richiesto, a voto segreto. Solo si è voluto sottrarre l’accordo finalmente raggiunto allo stillicidio dei trabocchetti su questo o quell’emendamento con la richiesta pur legittima di voto segreto. C’è un testo frutto di mediazione, pronunciamoci su quello. Il Movimento 5 stelle che parla di golpe e di eversione non sa quello che dice. Studino l’italiano e la storia del nostro Paese e impareranno che i golpe non c’entrano nulla con una libera decisione di quest’Aula, portata avanti secondo la legge e il regolamento e approvata da una maggioranza. Tutto ciò si chiama semplicemente democrazia ”. Lo dichiara Maurizio Lupi, coordinatore nazionale di Alternativa popolare.

  • img_3721.jpg

    #Vaccini, Scopelliti: Parlamento prenda distanze da deliri #Sibilia e #M5S

    “Tutto il Parlamento prenda le distanze dalle pesanti e gravi accuse di Carlo Sibilia sul ministro Lorenzin. Dietro questi deliri emerge con chiarezza il vero volto del M5S: la loro netta contrarietà ai vaccini e l’alimentazione della disinformazione no vax. I 5 Stelle al governo sarebbero una minaccia per la salute dei nostri bimbi, si rischierebbe l’emergenza epidemiologica. Grazie al pragmatismo e al senso di responsabilità del ministro Lorenzin, invece, il governo sta riuscendo a dare una risposta seria a un problema che riguarda tutti “. E’ quanto dichiara la deputata di Ap Rosanna Scopelliti.

  • dore_misuraca

    Misuraca: sui #Vaccini #M5S è irresponsabile

    “I deputati del M5S sono degli irresponsabili. Anche sui vaccini, un tema delicatissimo, che riguarda la salute di tutti i cittadini, dimostrano essere degli ignoranti. Le accuse contro il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, non sono soltanto diffamatorie ma evidenziano la loro scarsa conoscenza della materia e loro attitudine alle fake news. Invitiamo a diffidare fermamente dai grillini, nuocciono gravemente alla salute”. A dirlo è Dore Misuraca, deputato di Alternativa popolare e responsabile nazionale degli Enti locali.
  • vaccinoetàscolare1444921100_vaccini

    #Vaccini, Garofalo: Irricevibile è solo sciacallaggio #M5S

    Sui vaccini di irricevibile c’è soltanto lo sciacallaggio dei 5Stelle. I campioni delle fake news continuano a speculare sulle paure dei cittadini, cavalcando le bufale e alimentando la disinformazione. Prevedere l’obbligo di vaccinarsi in età scolastica attraverso un decreto è sacrosanto, una questione di sicurezza di tutta la popolazione e bene ha fatto il ministro Lorenzin ad andare avanti su questa strada”. E’ quanto dichiara il deputato di Ap Vincenzo Garofalo.

  • marotta

    #leggeelettorale, Marotta: Vostra Costituzione ha perso art. 56? #M5s

    Questa legge elettorale non arriverà al vaglio della Consulta perché il capo dello Stato la bloccherà prima, talmente sono evidenti i profili di incostituzionalità”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta. “Mi rivolgo innanzitutto ai colleghi del Movimento 5 stelle: evidentemente dalla Costituzione che tenete sempre in mano e sbandierate deve essere caduta una pagina, quella con l’art. 56. In quell’articolo è previsto che i collegi si individuino sulla base dell’ultimo censimento che, ricordo, è stato fatto nel 2011. La riforma elettorale invece attualmente in discussione prevede che si voti tenendo per buono un censimento del 1993. Nel frattempo ne sono stati eseguiti altri due. Una chiara violazione della Costituzione. Come fanno allora oggi i 5stelle a dire che rispettano la carta costituzionale? Credo che a questo punto – conclude Marotta – sia necessario affidare una delega al Governo per il riordino dei collegi”.

  • Sergio Pizzolante

    #LEGGEELETTORALE, PIZZOLANTE: CONSEGNA PAESE A #M5S

     “L’editoriale di Angelo Panebianco è un avviso pubblico storico, segna lo spartiacque fra il presente e il futuro. Fra la democrazia rappresentativa fondata sul ruolo centrale del Parlamento e la ‘democrazia giudiziaria’, che sposta l’asse del potere verso la magistratura politicizzata sostenuta dal M5S”. Così in una nota Sergio Pizzolante, componente della segreteria nazionale di Alternativa popolare. E aggiunge: “Il sistema politico, così come quello mediatico, è impazzito e sta regalando il Paese ai 5 stelle; una forza politica che mette in discussione la democrazia rappresentativa, e quindi il Parlamento, l’economia di mercato, la scienza, la modernità. Un movimento che si poggia sul potere della magistratura politicizzata che vede il mondo da lenti solo penali e tende a giudicare, sempre penalmente, la discrezionalità politica come un reato, sino al traffico di influenza. Abbiamo degli esempi un pò ovunque, da Rimini a Taranto. Panebianco dice che la legge elettorale tutta proporzionale che si sta per approvare favorirà questo processo. Anzi inserirà il turbo. Un Parlamento senza una maggioranza possibile, con una sola alleanza probabile, quella fra Berlusconi e Renzi, creerà instabilità e ingovernabilità. E la frantumazione di partiti gracilissimi. Come 100 anni fa circa. Terreno fertilissimo per i 5stelle. Ecco perché penso che Renzi e Berlusconi siano impazziti e rappresentino un pericolo”.

  • imagestancredi

    #VoliStato, Tancredi: Su #Alfano abbaglio a #5Stelle per qualche clic in più su blog

    Ennesimo abbaglio a 5Stelle. La notizia dell’archiviazione della denuncia contro Alfano per l’uso dei voli di Stato ribadisce la strumentalità e la malafede con le quali i grillini cavalcano alcuni temi solo per avere qualche clic in più sul blog. Stentiamo a credere, infatti, che non sappiano come un ministro dell’Interno o degli Esteri debba necessariamente servirsi dei voli di Stato per motivi di sicurezza, a maggior ragione se si tratta di un esponente pubblico che in passato ha ricevuto anche minacce dalla mafia.”. Lo dichiara il deputato di Ap Paolo Tancredi.

  • PizzolanteImagoeconomica_644512

    #VoliStato, Pizzolante: Archiviazione dimostra come #M5S imbarbarito dibattito pubblico

    “L’archiviazione della denuncia del M5S contro il ministro Alfano per i voli di Stato dimostra come i 5 stelle e i populisti tutti abbiano imbarbarito il dibattito pubblico. È evidente che un ministro dell’Interno o degli Esteri deve viaggiare con il massimo di sicurezza possibile. Non è solo in gioco la sicurezza personale, ma la credibilità di una intera nazione e la capacità di uno Stato di proteggere se stesso, le proprie Istituzioni e i cittadini tutti. Ma per i populisti le Istituzioni, il Parlamento, il governo, non rappresentano gli italiani, sono solo il nemico da abbattere. Così non si va verso una mondo migliore, si va verso la fine della democrazia”. Così il vicepresidente dei deputati di Alternativa popolare, Sergio Pizzolante.

  • misuraca3

    #VoliStato, Misuraca: Da #M5S altra cantonata

    “É impossibile elencare le cantonate prese dal M5S in questa legislatura, soprattutto quando si tratta di Ap e di Angelino Alfano. Oggi il Tribunale dei Ministri ha archiviato la denuncia di tre deputati grillini ai danni di Alfano per un uso eccessivo dei voli di Stato. Accusa priva di qualsiasi fondamento, visto che è sotto gli occhi di tutti la necessità per il ministro di servirsi di quei voli per motivi di sicurezza, soprattutto dopo le minacce indirizzate da parte della criminalità organizzata. Non oso immaginare in quale catastrofe cadrebbe il nostro Paese se il M5S dovesse vincere le elezioni, la loro doppia morale e la loro inesperienza sarebbero davvero pericolose per tutti noi”. A dirlo è Dore Misuraca, deputato di Alternativa popolare e responsabile nazionale degli Enti locali e Organizzazione del partito.