• marottaimage

    Marotta: Norma #equocompenso in #LeggeBilancio è svolta, pieno sostegno di #Ap

    La nostra battaglia sull’equo compenso sembra in dirittura d’arrivo: a quanto pare infatti il Governo ha ritenuto di recepire nella legge di Bilancio il relativo ddl, sempre di iniziativa governativa, all’esame della commissione Giustizia alla Camera. E’ quanto emerge dalle notizie sulla bozza della manovra economica. Se confermata sarebbe un’ottima notizia. Questo consentirebbe di accelerare i tempi e, soprattutto, di mantenere l’impegno di approvare la norma sull’equo compenso prima della fine della legislatura. Prendiamo atto, dunque, che le continue sollecitazioni di Alternativa popolare hanno ottime probabilità di andare a buon fine. Siamo soddisfatti che il Governo abbia deciso di porre la questione dei giovani professionisti discriminati tra i punti principali della propria azione in questi ultimi mesi prima del voto. In Parlamento Ap vigilerà e fornirà il proprio consueto contributo per una rapida approvazione della norma”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • Marotta

    #leggeelettorale, Marotta: Buon compromesso, fiducia non è golpe

    La riforma elettorale in discussione è un buon compromesso, l’unico possibile, per evitare di arrivare alla consultazione elettorale senza una legge armonica ed omogenea tra Camera e Senato. D’altronde tutte le leggi sono frutto di ragionevoli compromessi in Parlamento. La maggioranza ha deciso di fare ricorso alla fiducia proprio per evitare imboscate e portare al traguardo una legge che, ricordo e sottolineo, trova il consenso del 70 per cento delle forze parlamentari, quindi con buona parte delle opposizioni. Nessuno scandalo, dunque, nessun golpe e nessun attacco alla democrazia, ma solamente l’uso appropriato degli strumenti parlamentari così come previsto dai regolamenti. A giugno attraverso il legittimo ricorso al voto segreto venne affossato il Tedeschellum e allora nessuno gridò al golpe o alla fine della democrazia”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

    “Sul piano prettamente politico, l’ampio consenso raggiunto su questa legge è un segnale importante, anche verso il Paese. Un modo per dire che nei momenti cruciali, nei momenti di difficoltà, al di là delle battaglie quotidiane, vengono fuori ed emergono le forze politiche serie e responsabili. Le forze politiche nate come antisistema, invece, sono sempre state di rottura e continueranno ad agire così, perché prive del senso dello Stato e delle Istituzioni”.

  • marottaimage

    Marotta: su #leggeelettorale necessario trovare sintesi, bene lavoro #Lupi

    Sulla legge elettorale siamo convinti che le forze politiche al lavoro troveranno la giusta sintesi per dare al Paese un sistema equilibrato che sia garanzia di stabilità, coniugando i due temi che ci stanno più a cuore: governabilità e rappresentatività. In questo contesto siamo certi che il contributo di Alternativa popolare, con il suo coordinatore nazionale Maurizio Lupi, sarà decisivo”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • marotta

    #CodiceAntimafia, Marotta: Legge necessaria, ma ora Governo tolga equiparazione mafiosi-corrotti

    Votiamo a favore della riforma del Codice Antimafia, con senso di responsabilità, perché riteniamo che questa legge va necessariamente approvata adesso, altrimenti il rischio sarebbe il nulla di fatto prima della fine della legislatura. Il provvedimento contiene delle misure fondamentali per rafforzare la lotta alle mafia e anche per garantire una migliore ed efficiente trasparenza della gestione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata. Comprendiamo e condividiamo le perplessità e le critiche sollevate contro la norma che equipara i mafiosi a chi commette reati contro la Pubblica amministrazione. Si tratta di una battaglia di Alternativa popolare. Ma il no alla legge significava gettare il bambino con l’acqua sporca, e non potevamo permetterlo. Da parte del Governo abbiamo ottenuto un chiaro e inequivocabile impegno affinché sia tolta l’equiparazione mafia-corruzione in uno dei prossimi provvedimenti in discussione. Per Ap si tratta di una posizione imprescindibile e indiscutibile. Vigileremo e saremo inflessibili affinché ciò avvenga”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • Lupi AlfanoImage-1

    #Ap, Marotta-Garofalo-Bosco: Ok #Alfano su valori #Ppe, #Lupi farà bene

    Da Angelino Alfano ancora una volta parole chiare e condivisibili nel corso della Direzione nazionale di Alternativa popolare. Un’ottima relazione attraverso la quale il nostro presidente ha rimarcato i punti di riferimento del partito, ancorati chiaramente ai valori del Ppe. Così come ci ritroviamo pienamente nell’impegno a costruire in Italia un riferimento preciso del Partito popolare europeo, di cui noi siamo parte rilevante. In questo percorso si inserisce la nomina di Maurizio Lupi quale nuovo coordinatore nazionale di Ap, a cui rivolgiamo sinceri auguri di buon lavoro per il ruolo di grande responsabilità di cui è stato investito. Sappiamo bene che Lupi possiede le qualità, le capacità e l’autorevolezza per svolgere bene anche questo incarico all’interno del partito e raggiungere gli obiettivi che ci siamo fissati”. E’ quanto dichiarano i deputati di Ap Nino Bosco, Vincenzo Garofalo e Nino Marotta.

  • marotta

    #CodiceAntimafia, Marotta: No equiparazione mafiosi e corrotti, bene impegno Governo

    “L’impegno del Governo, come emerge dalla stampa, di cancellare l’equiparazione tra mafiosi e chi commette reati contro la Pubblica amministrazione, come prevista dal Codice Antimafia, va incontro alle continue sollecitazioni di Alternativa popolare, ribadite anche ieri in commissione Giustizia alla Camera. In merito il nostro gruppo non ha presentato emendamenti al testo ma solo perché siamo convinti della necessità che, intanto, la riforma vada approvata prima della fine della legislatura. Un provvedimento che è fondamentale per potenziare le misure nella lotta alla mafia, nel contrasto alla corruzione e anche per una migliore ed efficiente trasparenza della gestione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata. Allo stesso tempo, quindi, siamo e rimarremo fermi e inflessibili sulla necessità che venga tolta l’equiparazione tra mafiosi, camorristi e corrotti, attraverso il sequestro dei beni per i reati contro la Pubblica amministrazione. Nel mio intervento di ieri in commissione Giustizia alla Camera ho, quindi, espresso chiaramente questo concetto, come posizione di Ap, che per noi rimane indiscutibile. Accogliamo perciò positivamente la volontà del Governo di seguirci su questa linea”. Lo dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • Giustizia Marotta21751957_1611985568863878_5664852856970098714_n

    Marotta: Verità processuale solo con terzo grado giudizio. #Mastella? Uso politico della #giustizia.

    È diventata sempre più impellente la necessità di risolvere il problema tra giustizia e politica in maniera consona per recuperare anche la fiducia dei cittadini. È necessario affermare il principio per cui la prima verità processuale arriva con il primo grado di giudizio per cui il cittadino non può essere privato della libertà personale (che è l’estrema ratio) se non dopo la sentenza di condanna. Mastella, purtroppo, è un esempio di uso politico della giustizia, un vero e proprio dramma perché la verità processuale è arrivata solo dopo 10 anni. Quell’indagine ha messo in crisi un Governo provocando un grave danno al sistema democratico del Paese”. A dirlo è Antonio Marotta, deputato di Alternativa Popolare, nel suo intervento al Meeting di Alternativa Popolare che ha preso il via oggi al Castello di Limatola in provincia di Benevento.
    E ha aggiunto: “Sulla lunghezza del processo siamo sempre all’anno zero. In questa legislatura con la riforma del processo penale abbiamo ottenuto un grande risultato: l’inserimento della norma che prevede che il pubblico ministero si debba determinare nel prosieguo dell’azione nei tre mesi successivi alla chiusura delle indagini preliminari. Tale intervento. Sicuramente, consentirà la riduzione dei tempi almeno con riferimento alla fase delle indagini preliminari”.
  • farmaci

    Marotta: Governo acceleri attuazione legge su recupero #farmaci, #Ap al fianco fasce indigenti

    “Oggi una pagina importante del Parlamento, di grande attenzione alle fasce deboli. L’approvazione alla Camera della mozione sulla raccolta e donazione dei farmaci non utilizzati dai cittadini è un segnale rilevante, con cui il Governo si impegna a garantire le cure mediche agli indigenti, a chi non ha i soldi per comprarsi un farmaco, il tutto in piena applicazione dei principi, dell’art.32 della Carta costituzionale. Una mozione che Alternativa popolare, con in prima linea il suo capogruppo Maurizio Lupi, ha condiviso da subito contribuendo affinché venisse sottoposta quanto prima all’attenzione del Governo”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta, intervenuto in Aula durante il dibattito sulla mozione.

    “Il nostro Paese purtroppo è stato quello tra i più colpiti dalla crisi economica e, nonostante gli sforzi dei governi in questi ultimi anni, ci sono ancora sacche di indigenza verso le quali è necessario portare avanti un’importante azione di solidarietà. La mozione odierna risponde a questo, anche attraverso la piena applicazione della legge 166 del 2016. Invitiamo quindi adesso il Governo a mettere in atto rapidamente tutti gli strumenti normativi per consentire a chi ha difficoltà economiche di utilizzare questi medicinali, ancora utili. Al riguardo – prosegue Marotta – ricordo che le difficoltà non riguardano solo i poveri: oltre 12 milioni di italiani e 5 milioni di famiglie hanno dovuto limitare il numero di visite mediche o gli esami di accertamento per motivazioni di tipo economico. Questa è una battaglia in cui Ap crede molto, al fianco delle classi più povere e indigenti”.

  • rotondiindex

    Marotta: Piena solidarietà a #Rotondi per vile intimidazione, avanti con proprie idee

    Piena solidarietà a Gianfranco Rotondi, per la vile intimidazione subita. Ognuno è libero di esprimere le proprie idee, il proprio pensiero e portare avanti le battaglie in cui crede, condivisibili o meno. Principi democratici e costituzionali che non possono essere scalfiti dall’atteggiamento violento e codardo di alcuni inqualificabili soggetti che non hanno neppure il coraggio di assumersi le proprie responsabilità in prima persona”. Lo dichiara il capogruppo di Ap in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.

  • marotta

    #Intercettazioni, Marotta: Dibattito in corso spartiacque tra cultura garantista e giustizialista

    “Sappiamo tutti che il tema intercettazioni è molto delicato e serio, in commissione Giustizia alla Camera ci siamo tanto interrogati nel momento in cui è stata varata la delega al governo per intervenire su questa materia. Troviamo estremamente positivo che in queste ultime ore si sia riaperto il dibattito. Allo stesso tempo apprezziamo molto la presa di posizione del ministro Orlando, il quale ha parlato di un testo bozza aperto al contributo di tutti. Come forza politica responsabile ci auguriamo che nei giorni che ci separano dalla scadenza della delega, ai primi di novembre, il confronto continui e tutte le componenti, dall’avvocatura alla magistratura, facciano sentire la propria voce. Per Ap è di estrema importanza che siano salvaguardate le indagini della magistratura, ma è chiaro che un aspetto rilevante e prioritario lo assume anche la tutela della privacy dei soggetti che nulla hanno a che vedere con le indagini. Il dibattito in corso rappresenta, ancora una volta, uno spartiacque tra chi ha una cultura garantista e chi non riesce a scrollarsi di dosso una mentalità giustizialista”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Alternativa popolare in commissione Giustizia alla Camera, Nino Marotta.