• lupicoffeebreak2017-02-22-PHOTO-00003578

    #IusSoli, Lupi: no alla fiducia. #Minniti e #Orlando parlano per il #Pd e non per il Governo

    “Dico ai ministri Minniti e a Orlando che in questi giorni hanno parlato da uomini di partito e non di governo che il nostro obiettivo è l’integrazione degli extracomunitari, che gli accessi siano controllati e il Governo sta lavorando per questo, ma mettere adesso la fiducia su un tema esplosivo come lo ius soli vuol dire passare da una politica di governo e responsabilità a una politica di bandiera. Noi diciamo no alla fiducia sullo Ius soli, pensiamo piuttosto ad approvare entro il 30 settembre la variazione al Def affinchè sia evitato l’aumento dell’Iva. Se Minniti e Orlando pensano invece che lo Ius soli sia prioritario allora significa che non stanno agendo con responsabilità di governo” .
    Lo dichiara Maurizio Lupi, capogruppo di Alternativa Popolare ospite a Coffee’ Break su la 7.
  • Enzo Garofalo

    #Migranti, Garofalo: Bene incontro #Minniti-#Anci, Viminale sensibile a nostre sollecitazioni a sostegno #sindaci

    “I sindaci sono in grande affanno sul fronte dell’accoglienza dei migranti. Nel messinese circa quaranta primi cittadini attendono ancora risposte e domani avranno un confronto con il Prefetto. Per questo è molto positivo che il ministro Minniti abbia raccolto la nostra sollecitazione per rendere più concreta ed efficiente la condivisione tra i vari livelli istituzionali per fronteggiare questa emergenza. Il suo annuncio oggi in Aula, in risposta a una mia interrogazione, che domani incontrerà di nuovo i vertici Anci per fare il punto sul piano di accoglienza dei richiedenti asilo è estremamente importante”. E’ quanto ha dichiarato il deputato di Alternativa popolare Vincenzo Garofalo, intervenendo in Aula alla Camera durante il question time al ministro Minniti.

    “Bisogna evitare, infatti, che i sindaci si sentano abbandonati. Sindaci che danno voce alle crescenti preoccupazioni che emergono tra i cittadini e che rappresentano un valore al quale dobbiamo continuare a dare supporto. Qui nessuno mette in discussione l’accoglienza, la solidarietà, di cui gli italiani si sono dimostrati campioni. Ma occorre ora valutare – aggiunge Garofalo – se questo modello possa proseguire e, nel caso, in che modo prevedere un’azione diversa. L’auspicio è che da questi incontri possa emergere davvero qualcosa di costruttivo”.

  • Gioacchino Alfano

    G. ALFANO: A #NAPOLI OCCORRE PIANO STRAORDINARIO SICUREZZA . #MINNITI INTERVENGA

     “Occorre un Piano straordinario per la Sicurezza di Napoli, è indispensabile che la questione venga affrontata a livello centrale, non si può perdere altro tempo”. A dirlo è il sottosegretario alla Difesa e coordinatore regionale di Alternativa Popolare, Gioacchino Alfano.
    È necessario – aggiunge – che il ministro Minniti ponga Napoli al centro dell’agenda di governo. Carabinieri, polizia e guardia di finanza quotidianamente realizzano, con gli uomini che hanno a disposizione, vere imprese ma, purtroppo, non basta. È necessario intervenire anche socialmente, dalle parrocchie ai luoghi di ritrovo, prevenzione e repressione da sole non ce la fanno più. Se i continui arresti che forze dell’ordine e magistratura quotidianamente mettono a segno non fermano omicidi e armi significa che bisogna fare di più”.
    In merito alle dichiarazioni di De Magistris, il sottosegretario afferma: “Dire che l’Esercito non serve è un errore, i mille uomini impegnati tra Napoli e Terra dei Fuochi finora hanno offerto un contributo molto importante per la sicurezza del territorio alle forze dell’ordine”. Per Alfano, infine, “è necessario rafforzare e mettere in funzione laddove non sono attive le telecamere che potrebbero dare un ulteriore contributo al controllo del territorio. Tante ce ne sono e altrettante ne servirebbero, anche questo è un argomento del quale discutere col ministro Minniti. Sono sicuro che con una maggiore attenzione Napoli possa farcela”.