• EXPO, ASSEMBLEA ASSOLOMBARDA CONFINDUSTRIA CON MATTARELLA - FOTO 7

    Lupi: Chiudere Vespa? #M5S non sa cosa sia la libertà di stampa. #Rai

    “In perfetta coerenza (detto con ironia per chi si prende troppo sul serio) con il loro programma e al di ‘fuori la politica dalla Rai’, i Cinque stelle hanno pensato bene di chiedere la chiusura di Porta a Porta. Non si capisce bene se perché Bruno Vespa ha invitato troppe poche volte Beppe Grillo e Luigi Di Maio o troppe volte Mario Orfeo. Ma non siamo su ‘Scherzi a parte’, stiamo parlando di servizio pubblico e della più longeva e seguita trasmissione di informazione politica e sociale della televisione italiana. Grillo e i suoi si sono già distinti per le liste di proscrizione di giornalisti, serve anche l’allontanamento di Vespa per capire che la libertà di informazione con cui si riempiono la bocca non sanno nemmeno dove abiti?”.

    Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.
  • lupi1images

    Lupi: I #5Stelle non amano più la trasparenza. #Rai

    “Indietro tutta è il nuovo programma del M5S. In Vigilanza Rai protestano se un Consigliere di Amministrazione presenta una relazione circa le attività svolte in materia di prevenzione della corruzione anche citando interventi non secretati dei verbali. Il tempo dello streaming e della trasparenza a tutti i costi evidentemente è passato.” Lo dichiara il presidente del gruppo Alternativa popolare, Maurizio Lupi.
  • rai1

    #Rai, Lupi: Preoccupa scarsa attenzione a rilievi #Anac

    Siamo preoccupati per la scarsa attenzione riservata dai vertici Rai alle osservazioni dell’Anac, che riferiscono di carenze in materia di trasparenza in relazione a procedure di selezione e valutazione di candidati, ricognizione delle professionalità interne e valutazione delle candidature, messe in atto dall’azienda. L’approccio minimalista che avvertiamo aumenta i dubbi sulle questioni rilevate. Per le responsabilità vicendevoli del consiglio di amministrazione e del direttore generale suggerisco di non rimanere fermi. Le osservazioni molto forti e puntuali dell’Anac dicono che su questo bisogna essere molto trasparenti, molto chiari e molto netti e non equivoci. Questo, se si vogliono evitare strumentalizzazioni, chiediamo ai vertici dell’azienda” lo ha detto Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, oggi durante l’audizione dei vertici Rai in commissione di Vigilanza.

  • img_5703-3.jpg

    Lupi: #M5S opportunista, censura #Orfeo, difende #Report

    “E’ ora di finirla con le polemiche strumentali. Noi contrariamente ad altri gruppi parlamentari non useremo due pesi e due misure. Non chiediamo e non chiederemo la chiusura di Report. Se Report fa un servizio sbagliato diciamo che quel servizio è vergognoso, a maggior ragione trattandosi di servizio pubblico ma mai cederemo alla tentazione di chiedere la chiusura di quella trasmissione. Allo stesso tempo, però, non si può pensare di rincorrere, demonizzare e attentare alla libertà di informazione contro il direttore del Tg1, semplicemente perché si ritiene non dia spazio ad una notizia” lo ha detto Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare, durante l’audizione di oggi in commissione di Vigilanza Rai.

    Si può criticare, si deve criticare ma sempre usando lo stesso metro e gli stessi parametri. Non si può dire che è eversione chiedere la chiusura di Report e contemporaneamente chiedere la chiusura di Porta a Porta e l’allontanamento del direttore del Tg1 Orfeo, ovvero chiedere che venga cancellato tutto ciò che non coincide con la propria sensibilità. Se vogliamo essere credibili nelle rivendicazioni che facciamo dobbiamo usare lo stesso criterio, gli stessi pesi e le stesse misure” conclude.

  • img_5704-5.jpg

    #RAI, LUPI: #FICO NON GIOCHI CON SALUTE DEI #CITTADINI

    “Ma quante parti gioca in commedia Roberto Fico? Che significato hanno per lui le istituzioni e in particolare quella che lui incarna come presidente della commissione di Vigilanza sul servizio pubblico? Parla a nome dell’istituzione che rappresenta quando incita i cittadini a non pagare il canone Rai in caso di sospensione di un programma che invece a lui e al Movimento 5 stelle piace? Per lui l’informazione deve essere solo libera e indipendente e non anche veritiera e rispettosa delle certezze scientifiche quando parla di medicina e di salute dei cittadini? Libera per lui vuol dire libera dall’adesione ai fatti, dalle verifiche di ciò che si spaccia come notizia e come inchiesta giornalistica e che contraddice ciò che la comunità scientifica internazionale ha acclarato da tempo? Fico dovrebbe ricordarsi che con la salute dei cittadini non si gioca”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.
  • vigilanzaraiimages

    Lupi: Presidente Vigilanza #Rai chiarisca teatrino contro #Orfeo. Utilizzo improprio dipendenti gruppi

    “Quanto accaduto oggi al Direttore del Tg 1 Mario Orfeo è la rappresentazione plastica di come i grillini intendono la democrazia e il rispetto delle istituzioni. Di questo chiedo spiegazioni al presidente della Commissione Vigilanza Rai, Roberto Fico, confidando che la sua appartenenza politica non incida sull’obiettività di giudizio. E’ chiaro a tutti che quanto messo in scena dai grillini, che hanno impropriamente utilizzato alcuni dipendenti dei gruppi parlamentari, sia un’azione intimidatoria che niente ha a che vedere con la lecita richiesta di avere un servizio pubblico basato su trasparenza e qualità”.
    Lo ha chiesto Maurizio Lupi, componente della Commissione Vigilanza Rai nel corso dell’audizione di questa mattina.
     
  • orfeoindex

    Lupi: Inaccettabile l’intimidazione dei #5stelle al direttore del #Tg1

    “Prosegue la campagna intimidatoria del Movimento 5 Stelle contro il direttore del Tg1 Mario Orfeo. Adesso siamo arrivati allo stalking di due dipendenti del gruppo del Senato che lo inseguono e lo filmano fingendosi giornalisti. E’ un metodo inaccettabile che dà l’idea di come imposterebbero il rapporto con la stampa e con il servizio pubblico se mai i 5 Stelle arrivassero al potere. Tutta la mia solidarietà a Mario Orfeo, colpevole solo di una cosa: fare il suo mestiere di giornalista e dare le notizie, anche quelle sgradite a Grillo & Co.” Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.
  • img_6901.jpg

    Lupi: Puntata Perego offensiva per tutte le donne. Omesso controllo da direttore di Rete #Parliamonesabato

    “Preso atto delle scuse arrivate dalla presidente Rai, Monica Maggioni, e di quelle tardive del direttore di RaiUno, ci chiediamo come sia stato possibile che, a partire appunto dal direttore di Rete, fino ad arrivare alla redazione del programma ‘Parliamone… sabato’, non abbiano vigilato e impedito che andasse in onda sulla rete ammiraglia un servizio offensivo e irrispettoso nei confronti delle donne tutte, siano esse dell’Est, dell’Ovest, del Nord o del Sud”.  Lo dichiara Maurizio Lupi, capogruppo di Area popolare e componente della Commissione di Vigilanza Rai., in merito alla polemica scaturita attorno alla trasmissione di Rai 1 , ‘Parliamone… sabato’.
    “Credo che compito del servizio pubblico dovrebbe essere altro e di sicuro non dovrebbe utilizzare le proprie risorse economiche che, ricordiamolo arrivano dal canone pubblico, e le proprie professionalità per imbastire programmi che stilano assurde classifiche sulla base delle quali nascono o non nascono rapporti sentimentali. Abbiamo assistito alla saga della generalizzazione e della banalizzazione dei rapporti umani che seguono dinamiche molto più complicate. Di tutto questo chiediamo conto al servizio pubblico e ci stupiamo come la stessa conduttrice Paolo Perego, comprovata professionista, non abbia avuto qualche remora o dubbio prima di condurre la puntata”.

  • rai1

    Lupi: La Maggioni pone un problema serio: c’è un progetto per il servizio pubblico? #Rai

    “La presidente della Rai Monica Maggioni con la sua lettera al Corriere della Sera pone un problema reale: sulla televisione pubblica vogliamo continuare a eccitare facile indignazione moralistica o vogliamo porci il problema, molto più serio, del futuro di un’azienda che è la più grande istituzione culturale del Paese? Noi italiani siamo abilissimi nel dividerci in tifoserie opposte – difendi la Rai o la attacchi? – evitando così di affrontare il cuore della questione. Se ha senso, e per me lo ha, che esista in Italia un servizio pubblico che agisca da media company allora è giusto dotarlo delle risorse umane ed economiche che gli permettano di svolgere questo ruolo con dignità e con possibilità di successo. E ovviamente predisporre gli opportuni controlli sull’uso dei soldi che gli vengono consegnati dai cittadini e sul pluralismo culturale di cui deve farsi narratore. La lettera di Monica Maggioni ci aiuta a rifocalizzare il punto centrale della vicenda Rai: abbiamo un progetto sulla sua funzione per il Paese? All’interno di questo progetto vanno ricondotti e giudicati i palinsesti, la qualità dell’informazione, le spese e anche i compensi degli artisti. Il resto è astratto moralismo che avrà una sola conseguenza: depauperare economicamente e culturalmente la Rai e, conseguentemente, gli italiani”.

    Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.

  • Canone-Rai-pc-smartphone

    LUPI: TETTO A STIPENDI ARTISTI E CONDUTTORI #RAI REGALO A CONCORRENZA

    “Sono il primo a sostenere la necessità dell’esistenza di un servizio pubblico nel settore della comunicazione, comprendo l’esigenza di un tetto agli stipendi per i dipendenti della Rai, e anche quella di un’oculata amministrazione dei soldi dei cittadini, ma porre un limite fisso quale quello adottato anche ai contratti per gli artisti, i conduttori, gli autori, i giornalisti esterni all’azienda mi sembra un gesto che rasenta il masochismo, un regalo alla concorrenza e un depauperamento del patrimonio di quella che resta la più grande agenzia culturale del Paese. Allora tanto vale privatizzarla. O ripensarci”.  Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare