• IMG_0855.JPG

    Saltamartini: “Tweet storm a Renzi su partite Iva #Lapartitanonèchiusa”

     “Il comitato #LaPartitanonèchiusa, promotore della proposta a difesa delle partite Iva, aderisce al tweet storm organizzato da Confassociazioni, insieme ad Acta e Alta partecipazione. Una battaglia che stiamo portando avanti in Parlamento, con un emendamento a mia firma all’interno del dl Milleproroghe, e sostenuta in maniera trasversale da tutte le forze politiche, ad eccezione del M5S e di Sel”. Così il deputato Ncd Barbara Saltamartini, presidente del Comitato promotore #LaPartitanonèchiusa. “Il nostro obiettivo – prosegue – è quello di evitare un inaccettabile aumento della pressione fiscale e dei contributi previdenziali nei confronti di migliaia di professionisti, imprenditori e free lance. Per questo ben venga questa sinergia tra associazioni e politica, volta a ripristinare il regime agevolato in vigore nel 2014, sia per quanto riguarda i minimi sia per l’aliquota contributiva alla gestione separata Inps. Alle ore 13, quindi – annuncia Saltamartini – anche i promotori del Comitato lanceranno questo tweet: Su #partiteIva in Parlamento #LaPartitanonèchiusa. E insieme a @Confassociazioni @actainrete chiediamo a @matteorenzi #annullaAutogol”.

  • Barbara Saltamartini

    Saltamartini: “Finalmente Governo riconosce obbrobrio Fornero”

    “Finalmente questo Governo in modo chiaro si è reso conto dell’obbrobrio della riforma Fornero. Le parole del ministro Poletti con cui oggi prende atto della necessità di stravolgere totalmente questa legge, sono la conferma di quanto avevo sottolineato in Aula, due giorni fa, durante la discussione nata a seguito della bocciatura da parte della Consulta del referendum”. E’ quanto dichiara il deputato Ncd Barbara Saltamartini. “Ci aspettiamo quindi adesso – prosegue – che l’Esecutivo intervenga quanto prima per sanare i troppi errori presenti nella Fornero, dalla questione esodati, alla mancanza di flessibilità in uscita, alle pensioni, per non dimenticare la ormai nota vicenda di “quota 96″ su cui – conclude Saltamartini -, malgrado il Parlamento si sia espresso più volte all’unanimità, ancora attendiamo che le promesse del Premier Renzi diventino fatti”.

  • IMG_2387.JPG

    Saltamartini: “Decreto banche popolari è colpo a parte viva dell’Italia”

    “L’annunciato provvedimento del Governo sulle banche popolari rischia di essere una iniziativa che, sia nel metodo sia nel merito, fa acqua da tutte le parti. L’esecutivo eviti quindi questo ulteriore autogol, che incrinerebbe ancora di più il rapporto con la parte sana del Paese. Un errore imperdonabile, sul quale non si può tacere e su cui è doveroso sollevare tutte le criticità prima che si riunisca il Cdm e che con un blitz emani il decreto”. Così il deputato di Ncd Barbara Saltamartini, vicepresidente della Commissione Bilancio della Camera. “Le banche popolari rappresentano un sistema virtuoso e sussidiario che, in un momento di particolare crisi, sono riuscite a rimanere vicine al territorio, alle pmi e alle famiglie. Stravolgerne la governance – prosegue Saltamartini – rischierebbe di buttarle in pasto alle grandi speculazioni, alla grande finanza. Del resto quanto accaduto ieri in Borsa, con rialzi record dei titoli delle banche popolari, sembra esserne solo l’antipasto. Non si spiegherebbero, inoltre, i motivi di urgenza tali da giustificare un intervento del governo tramite decreto. Motivi per i quali ci auguriamo che, se Renzi dovesse decidere di andare avanti – conclude l’esponente Ncd -, al Quirinale si abbia la giusta sensibilità per valutare con attenzione presupposti ed effetti della norma”.

    Roma, 20 gennaio 2015

  • napolitano

    Saltamartini: “Riferimento di fronte a incapacità politica, ora scelta sia super partes”

    “Al presidente Napolitano va dato il merito di essere riuscito, in un periodo delicato per il Paese, ad essere riferimento di fronte a una oggettiva incapacità della politica italiana, che non e’ stata in grado di trovare una sintesi, chiedendogli per questo di proseguire nel suo impegno presidenziale. Un impegno portato avanti in questi nove anni con indiscutibili sforzi”. E’ quanto dichiara il deputato di Ncd Barbara Saltamartini. “Personalmente – prosegue – non ho esitato di esternerare in alcune circostanze il mio disappunto come quando, in occasione del discorso di fine anno, Napolitano non ha fatto alcun riferimento alla situazione in cui ancora sono coinvolti i nostri due maro’. Adesso – aggiunge Saltamartini – e’ quanto mai necessario che la politica si riappropri del suo primato e sappia scegliere una figura super partes, condivisa, nella quale tutti gli italiani possano sentirsi davvero rappresentati. Una figura in grado di unire ed essere guida in una stagione non facile, ne’ a livello internazionale di fronte alla sfida del terrorismo, ne’ a livello nazionale di fronte alla sfida economica che non possiamo più rinviare. Quel che e’ certo – conclude l’esponente di Ncd – e’ che non possiamo assistere nelle prossime settimane a un congresso Pd permanente sulla scelta del prossimo inquilino del Colle”.

  • Barbara Saltamartini

    SALTAMARTINI: “TUTTI SOTTO ATTACCO. NON FACCIAMOCI TROVARE IMPREPARATI”

    Il problema del terrorismo e del fondamentalismo islamico è molto più grave di quanto, fino ad oggi, abbiamo creduto e assume contorni sempre più drammatici. Purtroppo gli attentati di Parigi sono solo una delle terribili pagine di questo dramma. Non possiamo, infatti, dimenticare gli episodi delle 3 bambine kamikaze in Nigeria che, probabilmente a loro insaputa, ricoperte di tritolo, sono state buttate in mezzo alla folla causando l’ennesima strage” lo ha detto Barbara Saltamartini, deputato del Nuovo Centrodestra, oggi ad Agorà.

    “Le modalità in cui si sono svolti gli attentati di Parigi confermano che, anche nella vita di tutti i giorni, ognuno di noi è in pericolo e sotto attacco. E allora è necessario che l’Italia provveda a rafforzare, da subito, tutto il comparto sicurezza e che si attuino nel dubbio, lì dove necessario, maggiori e più immediate espulsioni” ha aggiunto. “Sarebbe imperdonabile farci trovare impreparati in un momento tanto delicato soprattutto quando ci sono dichiarazioni, tutte da verificare, che indicano Roma e il Vaticano come possibili obiettivi sensibili. Anche per questo, domani, in occasione del discorso che il nostro Premier Renzi terrà a Strasburgo per il passaggio del semestre europeo, spero vorrà con forza chiedere all’Europa che la stessa unità della piazza di Parigi venga riportata nei fatti a partire, ad esempio, dalla richiesta di escludere dal patto di stabilità le risorse per la sicurezza degli stati membri” ha concluso Barbara Saltamartini.

  • IMG_3136.JPG

    Saltamartini: “Risolvere errore partite Iva per imprese e giovani”

    “Nell’auspicare che le parole del responsabile economico del Pd, Filippo Taddei, si avverino nel minor tempo possibile, sarebbe opportuno che venisse “messa una toppa” al grave errore commesso verso le imprese e i lavori svolti dai più giovani e soprattutto dai primi occupati”. E’ quanto dichiara il deputato di Ncd Barbara Saltamartini.
    “Da quest’anno, infatti – prosegue – tutti i giovani appena entrati nel mondo delle professioni senza dipendenti, tutti quelli che svolgono attività di carattere intellettuale, scientifica, tecnica, o che lavorano nel settore delle nuove professioni legate all’informatica e al web, non solo saranno soggetti a una pesante tassazione ma subiranno anche un aumento del versamento dei contributi previdenziali, oltre a non avere alcuno sgravio Irap come previsto per i lavoratori autonomi.
    Per questo noi chiediamo con forza al premier Renzi di mantenere fede alla parola data: da una parte – sottolinea Saltamartini – approvando nel Milleproroghe un mio emendamento che permetterebbe il congelamento dell’aumento dei contributi previdenziali, dall’altra emanando immediatamente un provvedimento ad hoc che modifichi il regime dei minimi adottato in Legge di Stabilità per riportare l’aliquota al 5% e i redditi fino a 30.000.
    Dai giovani bisogna ripartire per mettere in moto l’occupazione – conclude l’esponente di Ncd – e fino a quando questo non avverrà nessuno potrà cantare vittoria”.

  • image

    SALTAMARTINI “SUPERARE PERSONALISMI POLITICI”

    ROMA (ITALPRESS) – “Quanto accaduto ieri a Parigi scuote gli animi
    e le coscienze dell’Europa e dell’Occidente e impone a tutti gli
    Stati membri dell’Unione, e quindi anche all’Italia, una profonda
    riflessione sulle necessarie misure di sicurezza comuni da mettere
    in campo contro il pericolo che si nasconde dietro il
    fondamentalismo e il fanatismo islamico”. E’ quanto dichiara il
    deputato di Ncd Barbara Saltamartini.
    “Un pericolo che investe tutti noi e va al di la’ di qualsivoglia
    schieramento politico. Trovo assurdo – prosegue -, in un momento
    delicato come questo, creare divisioni o invocare dimissioni
    “spot” senza aver prima ascoltato quanto il Governo, a partire dal
    ministro dell’Interno, ha gia’ messo in campo ed intende
    ulteriormente fare per evitare situazioni critiche per i cittadini
    soprattutto nelle zone piu’ a rischio. Ieri a Parigi una folla di
    persone e’ scesa unita in piazza per la difesa di diritti che
    appartengono a tutto l’Occidente. E se davvero l’unione fa la
    forza – conclude Saltamartini – questo dovrebbe essere l’esempio
    da seguire, mettendo la sicurezza nazionale al primo posto con il
    superamento dei singoli seppur diversi personalismi politici”.
    (ITALPRESS).

  • IMG_3136.JPG

    Saltamartini: “Su estensione a statali no a forzature, avanti con discussione in Parlamento”

    “Niente blitz o forzature per decreto sull’estensione del Jobs Act al pubblico impiego. Su questo punto sembra emergere una convergenza tra le principali forze politiche. Premesso questo, pero’, e considerate tra l’altro le aperture di merito di importanti esponenti di governo, diciamo: avanti tutta in Parlamento”. E’ quanto dichiara il deputato Ncd Barbara Saltamartini.
    “All’interno della riforma della Pa, in discussione nelle aule parlamentari, ci sono infatti tutti i presupposti per avviare un confronto, senza pregiudizi, che riguardi il futuro dei dipendenti della pubblica amministrazione. Abbiamo di fronte una grossa opportunita’ – prosegue Saltamartini – per modernizzare, anche da questo punto di vista, il comparto pubblico e contribuire a renderlo piu’ efficiente, salvaguardando le proprie specificita’. D’altronde, in un’ottica di semplificazione, non si spiegherebbero tre nuovi diversi regimi di lavoro, a seconda se si e’ lavoratore privato assunto prima o dopo il Jobs Act o se si e’ dipendente pubblico”, conclude l’esponente Ncd.

  • Barbara Saltamartini

    SALTAMARTINI: “ISOLARE FRANGE ESTREMISTE CHE VOGLIONO BLOCCARE PAESE”

    Mai cederemo al principio che con la violenza si manifesta dissenso

    “Quanto accaduto e sta accadendo in questi giorni è di una gravità inaudita. E’ chiaro che si tratta di gruppi organizzati che cercano di minare il percorso di sviluppo che con grande fatica stiamo portando avanti, e il cui metodo ricorda quello degli anni peggiori della storia della nostra Repubblica. Mai cederemo al principio secondo cui con la violenza si può manifestare il dissenso” lo dichiara, in una nota, Barbara Saltamartini, deputato del Nuovo Centrodestra.

    “Mi auguro che il lavoro dei magistrati e delle autorità competenti possa portare ad una veloce individuazione dei responsabili, affinché siano consegnati rapidamente alla giustizia. Quello che è certo è che la politica deve non solo condannare all’unanimità simili fatti ma porsi nella condizione di isolare frange estremiste che, a partire dalle manifestazioni violente dei No-Tav fino agli scontri con le forze dell’ordine nei cortei dei mesi scorsi, hanno l’unico obiettivo di bloccare l’Italia ed il processo di rinnovamento che Governo e Parlamento stanno portando avanti” conclude Barbara Saltamartini.

    Roma, 23 dicembre 2014

  • IMG_2387.JPG

    Saltamartini: Imam predica violenza donne, va espulso

    “E’ inammissibile e intollerabile che nel nostro Paese predicatori d’odio dell’Islam radicale, quanti professano la violenza sulle donne, abbiano visibilita’ sui media e persino legittimazione sociale. Per questo non si puo’ tacere di fronte all’episodio che, come riportano organi di stampa, ha visto protagonista in negativo l’Imam di Segrate Ali Abu Swhaima, il quale si e’ presentato a un dibattito tv con un manuale su come si picchiano le donne”. E’ quanto dichiara la deputata Barbara Saltamartini, Ncd.
    “Una notizia sconcertante – prosegue – che tutte le forze politiche dovrebbero condannare con forza.
    Gia’ lo scorso agosto un altro Imam, di San Dona’ di Piave, venne espulso per motivi di ordine pubblico, di sicurezza nazionale e di discriminazione religiosa. Anche di fronte a questo nuovo grave caso non si puo’ tergiversare, e mi auguro che il Viminale – conclude Saltamartini – intervenga quanto prima per espellere l’Imam di Segrate”.