• img_4667.jpg

    Un nuovo regime fiscale per le piccole imprese

     “INTERVENTI SU FAMIGLIE, IMPRESE E CASA” 

    Un nuovo regime fiscale per le micro e piccole imprese: a distanza di due settimane dal seminario di studi “I tre pilastri della Stabilità” con i ministri Angelino Alfano e Luigi Casero, Area popolare passa dalle parole ai fatti ed, in vista della Legge di Bilancio, presenta le sue proposte concrete per uno dei settori più vitali del nostro paese, ovvero le micro e piccole imprese.
    Le nostre proposte, riguardano più di due milioni di imprenditori che rappresentano il cuore pulsante del tessuto economico italiano. Tre sono le misure che, come ha sottolineato Maurizio Lupi, chiederemo che vengano inserite e recepite nella prossima legge di bilancio e già questa sera nella nota di aggiornamento del Def: 

    1. escludere il reddito d’impresa degli imprenditori individuali dalla base imponibile Irpef e assoggettarlo a tassazione separata con aliquota al 24%, la stessa prevista per l’Ires;

    2. permettere alle imprese a contabilità semplificata di pagare le tasse con criteri di cassa, quindi esclusivamente su quanto effettivamente incassato;

     3. modificare il regime dei minimi Iva, innalzando per alcune categorie di 10mila euro la soglia sotto la quale scatta il regime forfettario.

    Noi di Area popolare, come ha detto il ministro Angelino Alfano, siamo orgogliosi di avere avuto un ruolo determinante nell’eliminazione dell’art.18, della detassazione sui nuovi assunti, dell’eco bonus e lo sconto Irap sul costo del lavoro. Queste quattro norme, che sono state scritte con una mano destra, con una sinistra radicale non sarebbero state possibile. Adesso ci accingiamo al finale di legislatura, per questo si deve intervenire su famiglie, imprese e casa. Questo e’ il programma dei moderati: famiglie, imprese e casa.

    Il Paese, come ha ribadito il viceministro Casero, può ripartire solo investendo sulle imprese, solo con una detassazione forte a sostegno delle imprese. Si tratta di fare una rivoluzione culturale: la piccola impresa, il punto di forza dell’Italia .